MEZZA PENSIONE

 

PENSIONAMENTI ANTICIPATI

Nell'ultimo incontro ci saremmo aspettati dei passi in avanti dell'azienda rispetto alle nostre proposte, ovvero l'introduzione di un criterio di equità che dia una tutela minima garantita a tutti coloro che avranno la possibilità di accedere ai meccanismi di pensione anticipata. 

Però, per adesso, non ci sono risposte in merito. Riprenderemo la trattativa a settembre. L'Azienda si è presa un pò di tempo per fare le dovute riflessioni e chissà che non si presenti con qualche proposta realmente incentivante...

Questo è il nostro auspicio. 

 

RECUPERO

Dopo numerose segnalazioni di Unisin (vedi i nostri ultimi volantini sul tema) qualcosa si muove! L'Azienda si è decisa ad intervenire, sia a livello di "dialer" (il sistema di chiamate automatico sul quale si muove Ne.O), migliorandone tecnicamente l'efficacia, sia con un incremento del numero di colleghi. Purtroppo, a nostro avviso, sono azioni ancora insufficienti. Conferma ne è il fatto che, ad oggi, vengono richiesti ancora straordinari e sabati lavorativi. Siamo consapevoli del fatto che ogni azione richieda un adeguato periodo di osservazione, ma in una situazione di emergenza sono necessari correttivi importanti per avere i risultati in tempi brevi.

Vi terremo aggiornati... [...]

● scarica&leggi il volantino

 

PENSIONE ANTICIPATA?

 

TANTI SALUTI E GRAZIE DI TUTTO…

 

Nell' Azienda del "Best Workplace"  e dei riconoscimenti Welfare, fino a che sei un lavoratore attivo va tutto bene, ma quando potresti uscire dal ciclo produttivo?

 

Siamo tornati, nuovamente, ad incontrare l' Azienda sul tema dei pensionamenti anticipati. Per quanto si registri un piccolo passo in avanti, dobbiamo apprendere ancora una volta che, fatti salvi alcuni istituti sicuramente interessanti, pare non ci sia volontà nel voler individuare/condividere un sistema che dia delle garanzie, a livello economico, tali da non ricondurre tutto alla trattativa personale [...]

 

● scarica&leggi il volantino

 

FACILE, NO!?

Prosegue il confronto con l'Azienda sul tema dei pensionamenti. Si prevederebbe, per i colleghi che potrebbero beneficiare delle nuove normative (Quota 100, Opzione Don

na e la già presente Pensione Anticipata) un accordo triennale con scadenza al 31.12.2021.

Le proposte aziendali vanno ancora nella sola direzione del prolungamento di alcuni istituti del CCA per un periodo successivo alla fine del rapporto di lavoro.

Questo è sicuramente un buon punto di partenza, ma non si può prescindere, se si vuole trovare un accordo condiviso, dall'inserire nella trattativa, anche un "aspetto economico" di base.

Come Sindacato, non possiamo non garantire un mimino uguale per tutti [...]

 

● scarica&leggi il volantino

LA PENSIONE SI AVVICINA E...

 

Anche in Findomestic, grazie a previsioni normative quali Quota 100 e Opzione donna (in aggiunta al meccanismo già presente per la pensione "anticipata"), si comincia a porre l'attenzione sui pensionamenti.

L'azienda vorrebbe individuare un compendio di "benefit" che permetta di trovare delle soluzioni di base da proporre a chi volesse approfittare della "finestra" prevista. L'eventuale accordo avrebbe validità triennale, quindi fino al 31.12.2021 ricalcando la naturale scadenza delle previsioni di legge. 

Da parte nostra vorremmo evitare che si giustifichi il ricorso alle trattative “one to one” per favorire certi meccanismi: se così deve essere l’azienda non ha bisogno dell’avallo di UNISIN. E’ rischioso non avere un accordo che dia delle tutele minime valide per tutti.

 

Il confronto è iniziato, vediamo cosa l’azienda vorrà porre sul piatto e a quali condizioni [...]

● scarica&leggi il volantino

Segue...

Un prezioso strumento di comunicazione con tutti gli iscritti di UNISIN in Findomestic!

 scarica&leggi il nostro notiziario

UN’OCCASIONE QUASI PERSA

(UN PREMIO EXTRA BUDGET DELUDENTE)

 

E' un vero peccato che in un anno così prodigo di ottimi risultati, con un Bilancio 2018 chiuso nuovamente con un Utile stellare, frutto di un notevole sforzo da parte di tutti i colleghi, l'Azienda abbia voluto frustrare in parte le nostre giuste richieste ed il morale dei colleghi stessi.

In più di un mese di trattativa sull'EXTRA BUDGET, infatti, l'Azienda ha migliorato di poco un’offerta iniziale francamente iniqua, salvando in extremis il plus per i contratti di inserimento.

Quello che portiamo a casa oggi è un risultato parziale, sicuramente non proporzionato ai risultati conseguiti, né idoneo a incoraggiore i colleghi negli sforzi che le nuove attività di Findomestic richiederanno nei prossimi mesi.

 

- chiusura dell’azienda il 16/8

- 1 giorno ulteriore di permesso aggiuntivo

- 500 euro di welfare per i 3A1 livello inserimento

- 100 euro (sic!) di welfare per tutto il personale a tempo indeterminato

 

 

Qualcuno dirà: "meglio che niente", "è comunque un premio aggiuntivo"... ma questa non è la nostra logica e rappresentando l'orgoglio di tanti, sappiamo che non è la logica di chi lavora in Findomestic! […]

● scarica&leggi il volantino

● scarica&leggi l'accordo integrale

POLIZZA TUTELA LEGALE D.A.S.

 

Unisin ha sottoscritto una polizza collettiva volta a garantirti piena Tutela Legale, affinché tu possa svolgere più serenamente il tuo lavoro.

Col tempo, tutele di carattere legale presenti nel Contratto Collettivo Nazionale sono state erose dalla controparte datoriale ed è per questo che Unisin, unica realtà ad offrire gratuitamente questa copertura, ha deciso di intervenire direttamente per tutelare i suoi iscritti.

Abbiamo scelto D.A.S. per garantirti la massima affidabilità: la compagnia è leader mondiale nel campo della tutela legale e la sua affidabilità è assolutamente riconosciuta.

La polizza è compresa nella quota di adesione al Sindacato ed, in estrema sintesi, tra le altre cose ti tutela relativamente a:

§  procedimento penale per delitto colposo o per contravvenzione;

§  procedimento penale per delitto doloso, purché intervenga il proscioglimento o l’assoluzione con decisione passata in giudicato;

§  controversie relative a richieste di risarcimento di danni avanzate da clienti dell’istituto bancario, in conseguenza di un presunto comportamento illecito.

Il massimale annuo è di:

§  € 5.000 per assicurato per le vertenze legali e la copertura garantisce assistenza legale gratuita nel tentativo stragiudiziale di risoluzione del contenzioso;

§  € 25.000 per assicurato (€ 5.000 per singolo sinistro) per l’impugnazione della sanzione disciplinare della sospensione dinanzi al giudice competente.

Visualizza le Principali Garanzie


Per attivare la Consulenza legale:

scrivere a unisinfindomestic@gmail.com

In caso di urgenza puoi contattare il numero verde D.A.S. 800.84.90.90

 

Per ulteriori chiarimenti è a tua disposizione il numero 011.390738 oppure puoi inviare un fax al numero 011.4120220 – Risponderanno gli Uffici di Aminta Broker, attivi dal Lunedì al Venerdì dalle ore 15:00 alle ore 17:30

Un altro anno eccezionale

 

Findomestic ha approvato il bilancio per l'esercizio 2018.

 

L’anno si chiude con oltre 330 milioni di utile!!!!

 

Nonostante l’aumento del peso del rischio e l’ingente investimento sul progetto di Banca Digitale, anche per quest’anno l’azienda ha chiuso con un utile record.

 

Nel bilancio di un anno caratterizzato da grandi investimenti, anche un lettore poco attento si accorgerebbe che maggiori costi corrispondono necessariamente a risultati d’esercizio inferiori. Nonostante ciò, anche questa volta abbiamo tagliato un traguardo estremamente significativo, nonché superiore a quanto preventivato.

 

Soprattutto, è stato un anno in cui l’azienda ha puntato all’espansione raggiungendo, infatti, tutti gli obiettivi commerciali con ben 2 anni di anticipo.

 

 

Se ce ne fosse ancora bisogno, ricordiamo che questi risultati sono frutto dell’impegno e della dedizione dei colleghi, che rispondono sempre positivamente alle sfide lanciate dall’azienda [...]

● scarica&leggi il volantino

EDIZIONE “STRAORDINARIO”  NEO COMPIE UN ANNO

 

NEO è una nuova modalità di lavorazione, utilizzata nella Customer Solutions (al recupero…), presentata come flessibile e sostenibile, perché permetterebbe l'ottimizzazione della gestione dei carichi di lavoro, con la possibilità di utilizzare soluzioni organizzative diverse e, in ottica interna, porterebbe soluzioni più dinamiche rispetto al passato. 
Sono passati ormai 12 mesi dal suo lancio e sapete cosa ha portato ai colleghi? 11 mesi su 12 di richiesta di straordinario e 5 mesi di richiesta di uno o più sabati lavorativi.

Le domande da porsi sul perché di tutto ciò sono numerose ma, le prime che vengono in mente sono sicuramente relative all’evidente mancanza di un organico adeguato. Non si tratta più di qualche mese con carichi di lavoro eccezionali, ma di una situazione che evidenzia, qualora ce ne fosse bisogno, un problema strutturabile sanabile solo con degli inserimenti a supporto. I lavoratori, e di conseguenza le loro famiglie, non possono più ovviare ad una carenza di organico.

Continuano a mancare i requisiti necessari alla definizione di straordinario, perché 11 mesi su 12 non possono esserlo… Abbiamo messo sul tavolo, con l’Azienda, questa problematica ma pur essendo a conoscenza della questione (attribuendone le cause ad un cambio normativo) ribadisce che non ci sono, ad oggi, soluzioni diverse [...]


● scarica&leggi il volantino

Si cambia, si cambia... ma sempre in meglio??

 

Nell’ultimo incontro avuto con l’Azienda abbiamo fatto il punto di alcune questioni.

 

Polizza sanitaria

Con Assiteca sono state fatte le prime riflessioni su Poste Vita. Anche se è necessario un periodo di osservazione di almeno un anno per avere un quadro preciso, dopo 3 mesi è già possibile avere un’idea dell'andamento.

Con l’inserimento delle fasce di età per la medicina preventiva, l‘azienda si aspetta già in questo primo anno una contrazione significativa dei costi. Ciò permetterà di poter tarare meglio sia la preventiva (rivedendo le fasce e aumentandone le prestazioni), che le prestazioni ordinarie.

Abbiamo inoltre riportato all’attenzione del broker alcuni disservizi riscontrati direttamente dai colleghi, affinché vengano apportate le opportune correzioni. Restiamo in osservazione in quanto, pur riconoscendo che il passaggio ad una nuova compagnia possa essere molto impegnativo ed abbia necessità di un congruo periodo di assestamento, ancora troppe lacune rendono il servizio non adeguato al livello atteso.

 

Buste paga e conguagli

Il cambio di gestore delle busta paga avvenuto nel 2018, ha complicato notevolmente la leggibilità, rendendo difficile anche la verifica della correttezza da parte dei colleghi. Il diverso sistema di calcolo della tassazione mensile inoltre, seppur fiscalmente corretto, ha generato ingenti conguagli a fine anno, portando in casi estremi buste paga a “zero” (soprattutto per i colleghi assunti durante l’anno dopo un periodo a tempo determinato).

 

Da quest’anno, per ovviare a questa problematica, verrà applicato il “vecchio metodo” su tredicesima e premio di rendimento. Ciò comporterà una tassazione più elevata nelle relative buste paga, ma diminuirà il ricalcolo in sede di conguaglio a fine anno [...]

● scarica&leggi il volantino

Un prezioso strumento di comunicazione con tutti gli iscritti di UNISIN in Findomestic!

 scarica&leggi il nostro notiziario

Scarica e leggi la Piattaforma di Rinnovo del CCNL 2019

 scarica&leggi documento

EXTRABUDGET:

l’Azienda prende tempo

 

Come già scritto nel nostro precedente volantino la questione dell’individuazione dell’extrabudget, a seguito dei fantastici risultati conseguiti anche nel 2018 da Findomestic, è molto sentita dai colleghi.

In un’Azienda che vanta prestigiosi riconoscimenti, tra tutti il “Best Workplace”, appare giusto che il livello d’eccellenza che ha generato tali risultati sia adeguatamente premiato.

Per questo abbiamo ribadito la necessità di aprire un confronto in tempi brevi. L’Azienda non dice no, ma prende tempo in attesa dei risultati di bilancio…

Le nostre richieste sono note e riteniamo che siano in linea con i risultati conseguiti, dunque, una buona base di partenza per portare avanti la trattativa.

 

GESTORE WELFARE

Finalmente torneremo ad un unico gestore! A partire dall’erogazione del VAP di giugno 2019, il welfare non sarà più gestito da Easy Welfare, ma avremo nuovamente Edenred.

Riteniamo che certe scelte debbano essere maggiormente ponderate e consapevoli: se è veramente interesse dell’azienda promuovere la cultura del welfare, è necessario che ci sia stabilità per evitare di complicare inutilmente la fruizione del servizio!

 

Ci auguriamo che in futuro, nel caso in cui ci fosse la necessità di un nuovo cambio, l’Azienda coinvolga anche le parti sociali per una scelta migliore nell’interesse dei colleghi [...]

● scarica&leggi il volantino

 

BENTORNATI!

(ma non per tutti…)

 

Finalmente oggi possiamo riabbracciare 75 persone, prima che colleghi, che rientrano ufficialmente in Findomestic. L’Azienda, tramite il Gestore HR, invierà loro una email con allegato un Vademecum contenente le indicazioni per trovare tutte le informazioni utili per completare il ritorno (dai prestiti ai contributi come quello per l’asilo nido, dal fondo pensione a come comunicare le assenze per malattia, solo per citarne alcune).
Purtroppo questo momento di felicità è macchiato dal mancato rientro dei colleghi dell’ufficio acquisti. Sia Findomestic, sia BNL, ad oggi, non hanno voluto trovare una soluzione per risolvere la questione. Una lettera di intenti non garantisce alcunché, né tantomeno la logica della mobilità infragruppo.
In un biennio pieno di assunzioni e risultati straordinari è incomprensibile la mancanza di volontà da parte dell’azienda.

OGGI A LORO, DOMANI… CHISSA’.

● scarica&leggi il volantino

Un prezioso strumento di comunicazione con tutti gli iscritti di UNISIN in Findomestic!

 scarica&leggi il nostro notiziario

 

INNOVAZIONE e STABILITà

Si è tenuto in data odierna un incontro con l'Azienda, durante il quale abbiamo avuto modo di conoscere e confrontarci con il nuovo Direttore Generale Gilles Zeitoun e che ci ha permesso di rinnovare quello che è sempre stato il nostro impegno: portare avanti le istanze dei colleghi.

Sentita la sua lunga esperienza nel Gruppo, abbiamo particolarmente apprezzato il modo pacato, rispettoso e prudente che ha usato nel relazionarsi con le Organizzazioni Sindacali e, più in generale, l'intenzione di fare altrettanto con la realtà aziendale di Findomestic.

Per noi è stata l’occasione per ribadire che UNISIN è presente e pronta a cercare, individuare ed attuare, tutte quelle azioni che si renderanno necessarie per il benessere dei lavoratori. Auspichiamo che il proficuo rapporto tra UNISIN ed i suoi predecessori, che ha consentito anche di superare certe “abitudini” ed ottenere chiusure aziendali e premi extra, ma che ha portato anche quei frutti che ci consentono oggi di essere leader del mercato, venga ribadito in futuro. A tal proposito, confidiamo che il nuovo DG voglia proseguire nel solco già tracciato dando continuità di risultati, soddisfazioni e riconoscimenti, che un’azienda come Findomestic ed i suoi dipendenti meritano.

L'impressione è quella di un Direttore che voglia prima conoscere e poi giudicare, che intenda prima pianificare e poi realizzare, che sia a conoscenza dell'eccellenza che la nostra Azienda rappresenta nel gruppo BNPP, grazie al contributo generoso di tutti i colleghi [...]

● scarica&leggi il volantino

RICHIESTE

PART TIME: UNA PER TUTTI… AL RECUPERO DUE

Come ogni anno, siamo arrivati al momento della richiesta dell’orario Part-Time. In molti già conoscono la procedura e, anche grazie alle spiegazioni reperibili in Echonet, i dubbi dovrebbero essere minimi e l'operatività snella e lineare. 

All’interno dell’applicativo Gepe Next, sono già presenti gli schemi orari “maggiormente compatibili” con le esigenze organizzative della struttura di appartenenza. Resta comunque la possibilità di indicare uno schema orario personalizzato secondo le proprie esigenze personali.

Proprio in virtù di quanto appena detto, i colleghi stanno procedendo all’inserimento delle richieste senza alcun tipo di problema… eccetto alla Customer Solutions

Infatti, diversamente da quanto succede in altri uffici, ai colleghi appartenenti al recupero è stato chiesto di inserire, oltre all’orario scelto dal menù a tendina, uno schema orario alternativo da indicare nel campo “Note Dipendente”. La richiesta è arrivata ai colleghi interessati ad uno schema orario rientrante in quelli della tanto sbandierata (quando l’azienda vuol far vedere che ha a cuore il benessere delle persone) “continuità operativa”. Sono coinvolte prevalentemente persone che già usufruiscono di questo orario di lavoro (soprattutto mamme) e che ora, di fronte ad una richiesta che potrebbe far pensare che sia a rischio la conciliazione dei tempi di vita/lavoro, sono comprensibilmente preoccupate.

Sembrerebbe soltanto una richiesta aggiuntiva a quanto previsto, ma è doveroso chiedersi come mai, se non c’è nessun problema dichiarato, sia stata introdotta questa strana novità [...]

● scarica&leggi il volantino

Rientro anch’io…

no, tu no! Ma perché? Perché no!

 

Ci scuseranno i colleghi se abbiamo preso in prestito il titolo di una nota canzone, ma ci sembrava estremamente appropriato visto l’attuale conteso.

Ci scuseranno anche i colleghi che torneranno in Findomestic dal 1° marzo, se non parleremo dell’accordo sottoscritto (che alleghiamo per una completa informazione) il quale garantisce tutte le possibili condizioni di rientro che, pur non previste dalle disposizioni di legge, sono state tutte ottenute nell’ottica di creare le migliori opportunità per il passaggio.

 

Probabilmente chi non sarà disposto a scusare FINDOMESTIC saranno quei pochi colleghi dell’Ufficio Acquisti che, ancora una volta e per logiche aziendali che continuano a sfuggirci, si trovano a subire delle scelte inaccettabili che gravano sui singoli.

 

L’unica certezza, ad oggi, è che le risposte fornite e la lettera che ci hanno consegnato, ci sembrano un modo, neanche troppo elegante, per mettersi la coscienza a posto, procrastinando il problema, magari sperando che qualche diretto interessato “si dimentichi” che vuol tornare in Findomestic… [...]

 

● scarica&leggi il volantino

TUTTI INSIEME, NESSUNO INDIETRO

Proseguono gli incontri con l’azienda per concludere il percorso che, a seguito della cessione del ramo di azienda da parte di BNL a Findomestic, farà rientrare, oltre alle attività, 75 colleghi che erano passati in BPI/BNL. Insomma, sembra che tutto vada per il meglio, ma...

 

I colleghi dell’Ufficio Acquisti sembrano ancora destinati a non rientrare.

 

E’ stata consegnata all’azienda una mozione votata in una recente assemblea dai colleghi interessati, al fine di ribadire, qualora ce ne fosse bisogno, il desiderio di rientro in Findomestic di chi, per l’ennesima volta, si vede sfuggire l’opportunità.

La risposta aziendale, ad oggi, è che non essendo l’Ufficio Acquisti oggetto di cessione di ramo d’azienda, i colleghi appartenenti a quell’ufficio che vorranno passare a Findomestic, lo potranno fare soltanto presentato normale richiesta tramite il circuito della mobilità infragruppo.

 

Questa risposta, oltre che retorica, è anche offensiva per la dignità dei colleghi in quanto, ciò, ovviamente, non dà garanzie di rientro. Le domande verranno valutate nello stesso modo di tutte le altre, senza tenere conto della specificità del caso [...]

● scarica&leggi il volantino

Un prezioso strumento di comunicazione con tutti gli iscritti di UNISIN in Findomestic!

 scarica&leggi il nostro notiziario

BENE MA NON BENISSIMO….

 

Ultimo incontro per l’anno 2018 fra Sindacati ed Azienda, tempo di bilanci, verifiche e progetti futuri.

Iniziamo col dire che l’Azienda è sana, lo dimostra il fatto che a fine novembre l’organico è di 2631 lavoratori con 167 stabilizzazioni effettuate, andando oltre le più rosee aspettative di riconferme (avevamo sottoscritto un accordo che ne prevedeva almeno 70 nel 2018). Sempre su questa scia avevamo chiesto di poter valutare anche assunzioni dal “Fondo Emergenziale”, fondo della categoria bancaria dove sono presenti lavoratori licenziati da aziende del credito in crisi. Anche su questo l’azienda proverà ad individuare delle professionalità che potrebbero fare al caso nostro, si parla però di pochissime unità, ma è già qualcosa.

Sono numeri importanti che danno il senso di quanto stiamo facendo bene. E le prospettive per il futuro prevedono ancora un trend sicuramente buono ed in linea con le aspettative. L’accordo VAP siglato recentemente conferma quanto questo aspetto sia effettivamente realistico e prevedibile. Ma rimangono alcune cose da fare… (vedere più avanti…).

 

Abbiamo affrontato il tema della Banca della Solidarietà rilevando che, per quanto sia usata, ancora non è uno strumento così conosciuto e, quando richiesto, a volte per motivi impropri, costringe l’Azienda ad opporre rifiuto. Detto ciò, le ore che sarebbero scadute al 31.12 rischiavano di essere perdute, abbiamo, dunque, siglato un accordo che ne proroga la scadenza al 30.06.2019, nel frattempo sarà rivisto il regolamento per migliorarne il meccanismo di richiesta ed i motivi per i quali è possibile farlo é [...]

● scarica&leggi il volantino

E’ ANCORA VAP!

 

In data odierna è stato firmato il nuovo accordo VAP, che regolamenterà l’erogazione del premio aziendale per l’anno 2019 (risultati 2018) e per l’anno 2020 (risultati 2019).

Visto lo slittamento del rinnovo del CCNL e conseguentemente del nostro Contratto Collettivo Aziendale, Unisin ha ritenuto opportuno intervenire per tempo sull’accordo del  VAP, per garantire una continuità di erogazione anche per i prossimi due anni. E finalmente registriamo la disponibilità aziendale ad inserire nell'accordo dei parameri ulteriori ripetto all'utile lordo: un'altra storica battaglia di UNISIN che comincia a produrre effetti!

 

● scarica&leggi il volantino

 

● scarica&leggi l'accordo integrale

 

L’AZIENDA VA A GONFIE VELE… MA AL RECUPERO NON LO SANNO…

 

Provate in questi tempi di “overbudget” sulla produzione, a dirlo ad uno dei colleghi della Customer Solutions (RECUPERO). Ditegli che il vostro “Canale”, magari, ha raggiunto l’obiettivo già da mesi e che lo state superando “alla grande”. Non stupitevi, però, delle facce che faranno…, li vedrete stropicciarsi gli occhi e magari vi chiederanno anche per quale azienda lavorate. Quelli che riusciranno a superare il primo momento di incredulità, vi diranno che non è possibile, perché a loro da mesi vengono chiesti continuamente straordinari e, da giugno ad oggi, è stato chiesto (per quattro mesi su sette!) pure di lavorare il sabato.

L’EVOLUZIONE DELLO STRAORDINARIO

Fino a qualche tempo fa, in Customer Solution  veniva richiesto lo straordinario in momenti di particolare carico di lavoro e, laddove, durante il mese si verificasse un allontanamento dall’obiettivo. In questi casi veniva fatta una richiesta di lavoro “extra”, o di un sabato lavorativo… Ma adesso non è più cosi.

Da un po’ di tempo gli straordinari vengono programmati già prima della fine del mese precedente a quello cui fa riferimento la richiesta.

 

Eh già… saranno pure straordinari, ma ai piani alti, evidentemente, sanno in anticipo che serviranno. E c’è di più…  da un po’ di tempo passano, di scrivania in scrivania, delle “griglie” nelle quali, già al 27/11, viene richiesto ai colleghi  di indicare la loro presenza per  sabato 15 dicembre o la loro disponbibilità a trattenersi oltre le 17.30 di mercoledi 12 dicembre. Non solo devono essere straordinari, ma straordinari programmati [...]

● scarica&leggi il volantino

#inform@(t)tiva! n°8/2018 - Si passa a Poste Vita

Un prezioso strumento di comunicazione con tutti gli iscritti di UNISIN in Findomestic!

 scarica&leggi il nostro notiziario

RILANCIARE LA BANCA DELLA SOLIDARIETA'

 

UNISIN, credendo fortemente nelle potezialità di questo progetto e ben conoscendo le situazioni di necessità di molti colleghi, ha ufficialmente chiesto all'Azienda di rilanciarlo adottando i seguenti passi:
1) prorogare da subito la validità giacenze di cassa oltre la scadenza del 31/12/2018;
2) mettere in conto un piano di rilancio delle donazioni entro la primavera 2019;
3) effettuare una puntuale revisione dell'accordo istitutivo;
4) ampliare le regole di accesso (già all'epoca da noi giudicate troppo restrittive);
5) riformulare le regole di accesso in modo chiaro e immediatamente comprensibile ed esigibile;

6) effettuare una puntuale revisione delle risposte negative delle due passate annualità in modo da rivalutarle secondo le nuove regole che verranno stabilite;
7) effettuare una strutturata campagna informativa presso i colleghi delle opportunità offerte dalla Banca della Solidarietà in ottica di aiuto nelle emergenze e di supporto alle difficoltà personali e familiari
L'Azienda si è resa disponibile a sviluppare le nostre proposte confermando l'importanza del progetto e la sua volontà di procedere ad un rilancio dello stesso. [...]

● scarica&leggi il volantino

 

IL VIZIETTO

L'Azienda ci ricasca: dal 1° Gennaio 2019 vorrebbe CANCELLARE la medicina preventiva per TUTTI I FIGLI sotto i 20 anni.

L'attenzione alla famiglia tanto sbandierata nei vari progetti di marketing interni ed esterni all'Azienda crolla miseramente a fronte del risparmio di 2 palanche: sono infatti solo 232 le visite attivate dagli oltre 1900 figli dei colleghi attualmente assicurati.

La piccola percentuale rivela l'uso coscienzioso effettuato dai colleghi della medicina preventiva per i propri figli, evidentemente attivata solo da chi ne ha avuto realmente bisogno.

 

Ma allora perché DARE UNO SCHIAFFO così sonoro AI NOSTRI BAMBINI fregandosene dei tanto sbandierati valori etici? Lo abbiamo chiesto ieri all'Azienda assistita nell'incontro dal consulente Assiteca. Le risposte contenevano "conti" gelidi e tutti da indagare e sicuramente non in linea con i nostri “valori” [...]

● scarica&leggi il volantino

#inform@(t)tiva

Un prezioso strumento di comunicazione con tutti gli iscritti di UNISIN in Findomestic!

scarica&leggi il nostro notiziario

OTTIMO BILANCIO 2017

VOGLIAMO UNA TORTA SANA DA DIVIDERE INSIEME

 

Dopo settimane di indiscrezioni e stime sui risultati economici, già decantati nelle riunioni delle direzioni aziendali, ci è stato comunicato il valore dell’Utile lordo della Banca per l’esercizio 2017:

386,1 MLN/€

 

Le scriventi Organizzazioni Sindacali hanno intavolato, nelle scorse settimane, una negoziazione con la Delegazione Aziendale per un riconoscimento straordinario a tutti i collaboratori ed illustrato al Direttore Generale l’opportunità che anche quest’anno, sulla falsariga di quanto ottenuto nel 2017, sia individuato e concordato insieme l’ambito di intervento.

 

La nostra intenzione è di ricercare un accordo sul tempo (chiusure straordinarie in alcune giornate semifestive o di ponte e/o permessi retribuiti aggiuntivi da fruire nell’anno), e sul conto welfare straordinario.

 

In relazione agli straordinari risultati, poi, è d’obbligo affrontare il tema dell’occupazione e della stabilizzazione del personale a termine.

Quest’anno abbiamo inoltre proposto all’azienda di percorrere anche nuove strade che possano avere un’attenzione particolare per chi nel nostro settore ha situazioni di maggiori difficoltà e quindi abbiamo proposto dei riconoscimenti maggiorati per chi è assunto in azienda con il contratto inserimento e che da Contratto percepisce un -10% della retribuzione per i primi 4 anni di lavoro. Poi allargando lo sguardo anche al di fuori del nostro piccolo microcosmo aziendale, abbiamo chiesto un impegno affinché nelle assunzioni dell’anno si possano andare a selezionare anche colleghi di altre banche che negli ultimi anni hanno perso il lavoro e che a livello di settore sono nel Fondo Emergenziale. [...]

 

● scarica&leggi il volantino

 

...tutto quello che c'è da sapere per esercitare i tuoi diritti di madre/padre!

 

● scarica&leggi il nostro notiziario

NE.O.

NUOVA ORGANIZZAZIONE VECCHIE ABITUDINI

 

 

Abbiamo chiesto alla Dhr di aprire uno specifico confronto di approfondimento in relazione alla prossima partenza del progetto “Neo” nelle strutture ECS. Il Canale ci aveva già presentato le novità principali del progetto di riorganizzazione del Mestiere, per le quali i flussi in gestione non saranno più ripartiti in “fasi” ma in “ritardi”. Ciò determinerà una definitiva trasformazione del lavoro già da tempo in atto. Aprire uno specifico spazio di confronto, sul Mestiere, ci permette di seguire con maggiore consapevolezza le novità che impatteranno su un settore estremamente strategico quale è quello legato al Rischio.

 

In occasione dell’incontro con il Canale non ci è stata riportata nessuna novità organizzativa rispetto a quelle già note, tuttavia registriamo con soddisfazione la notizia dell’accettazione di tutte le richieste di Continuità Operativa che l’Azienda ed il Canale hanno ricevuto, dando seguito alle forti istanze emerse e da noi portate avanti con convinzione negli ultimi anni in tema di Lavoro Agile. Saranno 46 i colleghi con orario continuativo 9:00-14:30 o 9:00-15:00, a partire dal 1 giugno prossimo [...]

● scarica&leggi il volantino

UN BREVE PUNTO DELLA SITUAZIONE

 

 

Nell’incontro del 13 marzo u.s. abbiamo iniziato ad avere dall’Azienda alcune risposte attese da tempo. Di seguito ve le elenchiamo per argomenti.

 

Partenza Continuità Operativa ECS

 

Finalmente a partire da giugno, dopo anni di lotte per convincere l’azienda a concedere la continuità operativa,  nel canale ECS, 46 colleghi potranno lavorare nella pausa pranzo risolvendo di fatto tante problematiche inerenti l’organizzazione personale. Siamo soddisfatti di essere riusciti ad ottenere questo risultato anche per la disponibilità del canale che ha compreso le richieste e le esigenze dei lavoratori, sperando sia da esempio per le direzioni ancora restie a dare aperture alle forme di lavoro agile.

 

Welfare Aziendale

 

Dopo una prima fase di conoscenza, grazie anche all’erogazione straordinaria di 500€, lo strumento inizia ad essere conosciuto e si presenta più agevole nel suo utilizzo.

La prossima campagna di adesione facoltativa al welfare relativa al VAP che sarà erogato a giugno 2018, vedrà il cambio della piattaforma dove sarà disponibile il credito: si chiama Easy Welfare ed offre una più ampia possibilità di spesa: infatti, come da noi richiesto, ci sarà tra le diverse opzioni, la possibilità di acquistare 2 pacchetti aggiuntivi della polizza sanitaria Unisalute, una delle quali relativa alle spese dentistiche.

Inoltre, in seguito alle novità introdotte dalla “Legge di Bilancio” (n° 205 del 27 dicembre 2017) che modifica il TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi), sarà possibile ottenere il rimborso tramite il credito welfare anche delle spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti per il Trasporto Pubblico Locale, fermo restando la possibilità di poter beneficiare di una detrazione di imposta del 19% su 250€ per le spese per il TPL, sostenute nel 2018, nella dichiarazione dei redditi 2019, se non rimborsate tramite welfare.

Attenzione a chi ha usufruito dei buoni benzina o dei ticket compliments che si configurano come fringe benefits. L’azienda ci ha avvisato, con colpevole ritardo,  che il premio della polizza infortuni extraprofessionali (che, ricordiamo, facoltativa ma imputata di default ai lavoratori) quantificata in circa 40€ l’anno, è considerata fringe benefit quindi potrebbe far superare la cifra massima esentasse. Per chiarezza, se si decidesse di prendere 250€ in buoni benzina, i 40€ suddetti, sarebbero sommati all’importo precedente facendo superare il limite esentasse fissato in 258€. In tal caso sarebbe tassato l’intero importo. Riteniamo che l’azienda debba farsi carico della tassazione in cui sarebbero incorsi i colleghi a seguito della mancata informazione in merito, oppure predisporre una procedura per restituire la somma in eccedenza. Vi terremo informati [...]

 

● scarica&leggi il volantino

INCONTRO CON IL DIRETTORE GENERALE:

 

 

ECCO LE NOSTRE PRIORITA’

 

La scorsa settimana nel corso dell’incontro con il Direttore Generale, abbiamo approfondito alcuni dei principali progetti del Piano 2020 e, in questa sede, rappresentato quelle che, a nostro avviso, sono le questioni prioritarie da affrontare anche sul tavolo delle relazioni industriali di Findomestic.

 

Il punto di partenza di qualunque analisi è certamente l’andamento aziendale degli ultimi anni: il 2017 è stato ancora una volta un anno estremamente positivo sia per Findomestic che per tutta l’Area Sud di PF e questo ci permette di guardare con cauto ottimismo agli sviluppi ed alle trasformazioni in atto in azienda nei prossimi anni.

 

La Banca Digitale è chiaramente il punto centrale del Piano industriale aziendale: è un progetto di lungo periodo che avrà impatti su tutti i settori aziendali. Nel corso del 2018, infatti, dovrebbe partire la fase sperimentale che coinvolgerà il personale operativo e per questo abbiamo chiesto la massima attenzione su due aspetti: la formazione e gli organici. Il sostegno al progetto deve necessariamente prevedere sia una formazione tecnica sia una formazione “culturale” che permetta un approccio adeguato al nuovo modo di fare banca.

 

 

Inoltre, è stato ribadito al Direttore Generale la necessità di sostenere adeguatamente, in termini di organici, le strutture commerciali sul territorio: è già da tempo che denunciamo un’ insostenibile situazione di sottorganico, in particolar modo sui Centri Clienti, dove i lavoratori hanno vissuto, negli ultimi anni, un incremento esponenziale dei prodotti da vendere e dei conseguenti obiettivi da raggiungere [...]

● scarica&leggi il volantino

IL RIENTRO DI ATTIVITA’ DA BPI

DEVE APRIRE SPAZI DI RIENTRO

PER I LAVORATORI CEDUTI

 

Da alcuni giorni si susseguono “voci” relative al rientro, in Findomestic, di lavorazioni da BPI.

Abbiamo già chiesto all’azienda chiarimenti in merito, in particolar modo relativamente al ritorno di alcune attività di Back-Office che, passando dall’ex BOF di Reggio Calabria e Cosenza a BPI, adesso stanno repentinamente rientrando nei CRC di Padova e di Palermo, dando vita a due nuovi NOA. L’azienda ha dichiarato che si è reso necessario gestire, innanzitutto, un’emergenza di arretrato di e-mail dalla casella Relazione Clienti, attraverso l’applicativo “COGITO”. Intende, inoltre, sfruttare le opportunità commerciali derivanti da questa tipologia di contatto con i clienti. Quindi, l’attività potrà tornare ad essere strutturale, creando nuova occupazione.

Alla luce di queste importanti e delicate novità è necessario un confronto urgente ed approfondito, anche, e non solo, per entrare nel merito di questa operazione.

Nel 2014 sono stati ceduti lavoratori con contratto a tempo indeterminato, con competenze e professionalità specifiche e quattro anni dopo è inaccettabile che si possa solo pensare, che queste attività possano essere gestire con immissione in organico di contratti a tempo determinato.

 

 

E’ imprescindibile la definizione dei criteri di mobilità infragruppo, che possano regolare il rientro dei lavoratori al rientro delle attività cedute [...]

● scarica&leggi il volantino

il Vecchio Cedolino a futura memoria...

#inform@(t)tiva! n°4/2018 - Visite fiscali

● scarica&leggi il nostro notiziario

 

LA NUOVA BUSTA PAGA

POCHE INFORMAZIONI E SPESSO SBAGLIATE…

 

Nell’incontro svoltosi ieri tra le scriventi OO.SS. e l’Azienda, incentrato sull’importante tematica degli Organici, di cui vi relazioneremo a breve, abbiamo però ritenuto necessario e doveroso protestare fermamente nei confronti dell’azienda, in relazione al nuovo cedolino paga che abbiamo ricevuto gli scorsi giorni; una novità con pochi contenuti e con tanti errori…un passaggio veramente disastroso!

 

L’azienda ci aveva preannunciato questo cambio, inserito nella logica delle sinergie di Gruppo, rassicurandoci che avremmo mantenuto nel nuovo prospetto paga, il 95% delle precedenti informazioni… Mai come questa volta le previsioni aziendali si sono dimostrate errate!!!

 

Che in un passaggio di gestore, si possa avere qualche disallineamento o si possano fare alcuni errori è fisiologico, ma che si inanellassero una serie così consistente di errori su dati ed informazioni sostanziali, in un prospetto già di per sé profondamente peggiorativo rispetto al precedente, neanche nelle più pessimistiche previsioni avremmo potuto immaginarlo… a partire dalla Ragione sociale presente in busta paga dove Findomestic non è più neanche “Banca”!!!

 

Abbiamo verificato in questa prima busta paga, anche grazie alle vostre numerose segnalazioni, alcuni errori potenzialmente gravi come: la diminuzione del numero di figli a carico, il mancato pagamento del contributo alloggio, il cambiamento di voci della retribuzione quali ad es.ad personam, assegni familiari, ma anche l’assegnazione di L.104 a colleghi che non ce l’hanno o la perdita del dato relativo all’anzianità convenzionale, dato in particolar modo rilevante per chi viene da altre aziende del gruppo (ex Bf5, Bnl, Arval…) [...]

● scarica&leggi il volantino

Cari colleghi,

molti di voi questo mese hanno raggiunto (finalmente) uno step del loro percorso di carriera, quel percorso istituito per la prima volta in Findomestic con la sottoscrizione del CCA l’8 giugno del 2015 e che dà finalmente concretezza al lavoro di tutti, riconoscendo il valore delle figure professionali presenti in azienda, assegnando ad ognuna di esse un proprio percorso di carriera che progressivamente, porterà la risorsa a raggiungere il livello inquadramentale superiore.

Vogliamo ricordare a tutti che questi passaggi di grado sono una conquista sindacale e della trattativa aziendale e non una mera “concessione” aziendale e cogliamo l'occasione citando la ratio dell’accordo contenuta nell’art.6 del Contratto Collettivo Aziendale:

Le parti confermano che gli inquadramenti stabiliti per le singole posizioni di lavoro sono quelli minimi garantiti, con facoltà quindi dell’Azienda di dar luogo ad inquadramenti superiori, senza che ciò costituisca variazione dell’inquadramento di riferimento della posizione stessa”.

Rivendichiamo lo spirito con il quale è nato l’accordo su questo argomento, ossia il riconoscimento, nel tempo, della professionalità di tutti collaboratori, mantenendo altresì la piena libertà alla banca di premiare, anche accelerando il Percorso di Carriera, coloro che riterrà più meritevoli, senza trincerarsi dietro ai fantomatici “budget” limitati...che temiamo siano limitati più per i collaboratori che non per i manager...

Perché il modello funzioni e regga gestionalmente, è necessario stanziare le risorse che servono a riconoscere ai più meritevoli percorsi più veloci e questa facoltà deve essere nella disponibilità e tra le priorità del management dell'impresa a tutti i livelli. Auspichiamo quindi che per i colloqui di valutazione di questo anno, non si assista nuovamente ad una rappresentazione dei percorsi da CCA come di un qualcosa che limiti la possibilità aziendale di riconoscere sviluppi professionali e di carriera a chi lo merita: non è così. Chiediamo a chi rappresenta l'azienda, una matura assunzione di responsabilità gestionale in questo senso!

La partenza simultanea per molti di voi (alcuni però hanno già ricevuto i benefici di questo accordo già durante la scorsa estate) è dovuta alla retroattività dell’accordo che ha iniziato a produrre i suoi effetti dall'1/1/2015, ma che ha tenuto conto anche degli anni precedenti, secondo il meccanismo del “pregresso”.

 

Su questo punto c’è stato un lungo e animato dibattito con l’Azienda, conclusosi lo scorso 30 novembre, sulle interpretazioni legate ai tilt, i momenti per i quali i percorsi possono vedere uno slittamento che può variare dai 6 ai 12 mesi, e agli acceleratori.  Questa lunga discussione ha visto alla fine chiarire alcuni punti di seguito elencati relativamente al calcolo del pregresso [...]

● scarica&leggi il volantino

#inform@(t)tiva! n°3/2018 - Medicina preventiva

 

 

 

 

 

● scarica&leggi il nostro notiziario

#inform@(t)tiva! n°2/2018 - Speciale Welfare

 

● scarica&leggi il nostro notiziario

 

LA VALUTAZIONE COME STRUMENTO DI   INDIRIZZO DELLE POLITICHE COMMERCIALI 

 

L'obiettivo del percorso di trattativa sulle Politiche Commerciali e organizzazione del lavoro, che ci da l'Accordo di Settore, è l'individuazione di azioni e comportamenti che favoriscano lo sviluppo di politiche commerciali sostenibili, rispettose della dignità dei lavoratori e delle esigenze della clientela. Con l’Azienda ci siamo confrontati ed abbiamo analizzato tutto il processo di gestione delle prestazioni per capire se è coerente con le finalità dell'accordo stesso. Premesso che, l'accordo nazionale recita: “le Parti si danno atto che il mancato raggiungimento degli obiettivi quantitativi commerciali di per sé non determina una valutazione negativa e non costituisce inadempimento del dovere di collaborazione attiva ed intensa...”, l'analisi che siamo andati a fare è sulla struttura stessa del nostro sistema valutativo. Ciò che viene trasmesso ai lavoratori è coerente con le finalità del suddetto accordo?  L'incontro con la Dhr ci ha permesso di entrare nei meccanismi delle schede di valutazione sia  nella loro globalità, che nelle novità recentemente introdotte. Sono state, infatti, modificate le parti relative ai Comportamenti di valore, introducendo quattro nuove voci: “Soddisfazione del cliente”, “Cultura della Compliance”, “Apertura” e “Agilità” [...]

 ● scarica&leggi il volantino

Valutazione delle Prestazioni: è ammesso il ricorso e, a volte, può essere opportuno - Speciale #inform@(t)iva

Valutazione delle Prestazioni: è ammesso il ricorso e, a volte, può essere opportuno.  Sono iniziati in questi giorni i colloqui di valutazione delle prestazioni relativi all’anno 2016, il cui termine è fissato, normalmente, entro la fine di febbraio. Ricordiamo ai colleghi che, ai sensi del vigente CCNL (art. 75) è possibile fare ricorso contro la valutazione ricevuta.  Alleghiamo di seguito un modello di ricorso, che va inviato alla DHR entro 15 giorni dalla data in cui viene comunicata la valutazione.  Entro 30 giorni dalla ricezione del ricorso, la DHR dovrà fissare un colloquio: in tale occasione il collega è assistito dal Sindacato cui aderisce.  Dalla data del colloquio, decorrono i 60 giorni entro i quali l’azienda dovrà rispondere dando esito al ricorso. 

                                                                                  ● scarica&leggi il notiziario

UNISIN consiglia ADUC

Cari iscritti UNISIN, abbiamo appena attivato un canale di comunicazione diretto con l'Associazione di Tutela dei Consumatori ADUC. Lo scopo è quello di offrirvi un servizio di tutela qualificato rispetto alle tante problematiche che, sempre più spesso, investono la vita privata nei rapporti con i vari fornitori di servizi al consumatore. ADUC ci è sembrata l’associazione più adatta allo scopo: una associazione che risolve e insegna a risolvere, fornendo tutti gli strumenti necessari alla difesa dei propri diritti.
- Visitate il sito www.aduc.it all’interno del quel già si trovano le risposte a molti problemi.
- Scriveteci alla nostra mail unisinfindomestic@gmail.it specificando come oggetto “per ADUC” tutti quei nuovi quesiti per cui avete bisogno di aiuto.
- Nei casi in cui fosse necessario rivolgersi ad una delle Sedi di Aduc (l’elenco è disponibile a questo indirizzo http://www.aduc.it/info/consedi.php) fatevi identificare con la tessera di iscritto Unisin Findomestic.
Confidando di aver fatto cosa gradita, nell’ampliare la rosa dei servizi rivolti agli iscritti, vi auguriamo un buon rientro dalle meritate ferie estive.

Findomestic CONDANNATA per LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO

È triste ammetterlo, ma è la pura e cruda verità! In Findomestic, nella nostra Findomestic, purtroppo oggi avviene anche questo.
Si rischia il licenziamento e, cosa ancor più grave, si usa cinicamente lo svuotamento dei diritti garantito dalle riforme dei vari governi pur di liberarsi di un proprio collaboratore, evidentemente non gradito.
E per farlo non esita a ricorrere ad un licenziamento illegittimo, tanto con l’art. 18 versione Monti-Fornero, anche in caso di condanna, è quasi impossibile per il lavoratore ottenere il reintegro (e per i neoassunti dal 7 marzo 2015 sarà ancora peggio grazie al Jobs Act ed al cosiddetto contratto a tutele crescenti), tutt’al più con poche migliaia di euro ci si libera del lavoratore.
● scarica&leggi il nostro volantino e la SENTENZA di CONDANNA del Giudice

Manifestazioni, Assemblee, Congressi...

Legge Renzi sul Lavoro: lo smantellamento dei diritti...

IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT

-

Il “Quaderno” UNISIN illustra questi primi due Decreti Legislativi che si occupano, rispettivamente, del cosiddetto contratto di lavoro a tutele crescenti e, dunque, del nuovo regime dei licenziamenti e della disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego – NASpI.

● scarica&leggi il manuale della Segreteria Nazionale

Polizza Infortuni: un passo avanti e due indietro...

Come Unità Sindacale siamo lieti di poter annunciare un primo parziale risultato sul VERO welfare aziendale, la Polizza Infortuni, da mettere insieme al recupero, avvenuto un anno e mezzo fa, sempre grazie ad una nostra battaglia, della Polizza Sanitaria.

Infatti ieri l'Azienda ha comunicato a tutti i colleghi di aver rinnovato la Polizza Infortuni Extraprofessionali offrendo, finalmente, ad ognuno di noi la possibilità di recedere da tale copertura (che comporta un prelievo automatico in busta paga) recuperando anche le somme già trattenute dal mese di gennaio 2014: una toppa dopo aver già fatto il danno, ma pur sempre una toppa.

Quello che teniamo, infatti, a sottolineare è che la polizza, così come è stata sottoscritta nel 2013 e nel 2014 è generalmente inutilizzabile dai colleghi: permanendo i 3 punti di franchigia sull'invalidità riconosciuta dalla Compagnia il 95% dei sinistri che prima venivano coperti non saranno più rimborsati.

Invitiamo per tanto i colleghi a valutare bene se vale ancora la pena di mantenere tale adesione (e la conseguente trattenuta...). La possibilità di recedere scade il 18 marzo 2014. Un termine di tempo, a nostro giudizio, assolutamente insufficiente.

Raccomandiamo ai colleghi che intendano effettuare il recesso di specificare che si tratta dell'anno 2014. 

-scarica&leggi il nostro volantino completo

-scarica&leggi il nostro volantino completo sullo scandaloso comportamento aziendale relativamente alle tutele sanitarie ed infortunistiche dei dipendenti.  

Scandalo Polizza Infortuni, 2°puntata: Le CASTE in Findomestic

Proseguendo l'analisi delle nuove condizioni della POLIZZA INFORTUNI stipulata dall'AZIENDA con UNIPOL/Fondiaria-­‐SAI scopriamo la "VERA ETICA" aziendale.

Al vertice della piramide siedono i più dirigenti di tutti: "Cat. DIRETTORI GENERALI E AMMINISTRATORE DELEGATO" (cit. Programma assicurativo infortuni, pag.3), per loro si assicura una somma pari ad 8 volte la retribuzione annua con un massimo di 3.200.000€.

Seguono "Cat. VICEDIRETTORE GENERALE e DIRETTORI" (cit. idem, pag.3) per i quali si assicura una somma sempre pari a 8 volte la retribuzione annua, ma il massimale scende a 2.400.000€. Siamo commossi per il minor valore umano attribuito a questa categoria intermedia...

Al terzo posto si collocano tutti gli altri DIRIGENTI i quali non valgono più di 1.600.000,00€ cada uno. Non siamo noi ad aver stabilito tali proporzioni e ci duole constatare una così crudele svalutazione.

SOTTOLINEAMO che per tutti coloro che appartengono a queste prime TRE CASTE "fino a 1.000.000€ si applica la percentuale di invalidità accertata, senza deduzione di alcuna franchigia" (cit. idem, pag.3).

EVIDENZIAMO che per questo ristretto gruppo di individui l'Azienda si è impegnata a pagare non meno di 336.001€ annue a titolo di premio assicurativo (cfr. idem, pag.21).

Troviamo VERGOGNOSO che per gli ultimi STRATI SOCIALI dell'Azienda, in cui ricadono qualche centinaio di QUADRI DIRETTIVI e circa 1600 IMPIEGATI, si preveda una spesa di soli 96.076€ e un rimborso che viene decurtato da una franchigia assoluta di 3 punti di invalidità! Franchigia che si incrementa passando a 5 punti e poi a 10 (cfr. idem pag.4) all’aumentare dell’entità del danno subito! Naturalmente i massimali vengono fissati a cifre corrispondenti ai "valori umani" in gioco: 980.000€ per i QD ed 840.000€ per tutte le altre aree professionali!

ABBIAMO inoltre il fondato sospetto che quei 96 mila euro (per QD e Aree Professionali) corrispondano al totale che l'Azienda trattiene dalle nostre BUSTE PAGA riuscendo così in un magnifico GIOCO DELLE TRE CARTE:

prima la trattenuta era prevista solo come parziale contributo a carico del lavoratore per la polizza EXTRAPROFESSIONALE,

adesso ci fa pagare, totalmente di tasca nostra, sia la Polizza per gli Infortuni PROFESSIONALI, sia quella per gli Infortuni EXTRAPROFESSIONALI! E continua a portare a bilancio gli SGRAVI FISCALI previsti dalla Legge!

 

96.000€ : 2000 dipendenti = 48€ annui che divisi per 15 mensilità fanno 3,20€ al mese!!! questa la cifra mediamente trattenuta ai lavoratori ogni mese:

CONTROLLA IN BUSTA PAGA!

 

-scarica&leggi il nostro volantino completo

io Twitto...

UNISIN Toscana

visita il nuovo sito della Segreteria Regionale Toscana

ADUC - AVVERTENZE

Droga, il presidente dell'Honduras: mai trafficato per finanziare campagna elettorale (mer, 14 ago 2019)
Il presidente dell'Honduras, Juan Orlando Herna'ndez, ha negato ieri a Washington che ci siano contro di lui accuse negli Stati Uniti per traffico di droga, dopo che il suo nome e' stato chiamato in causa giorni fa in un caso di droga in un tribunale federale di New York. E' stato riferito che Herna'ndez, eletto nel 2013 e rieletto nel 2017, avrebbe ricevuto 1,5 milioni di dollari dai trafficanti di [...]
>> leggi di più

RRS AdnKronos

Intelligenza artificiale, possibilità e limiti (fino al mind uploading)   (Sun, 18 Aug 2019)
>> leggi di più

Mattarella: "Affrontare nuove sfide senza paralisi"   (Sun, 18 Aug 2019)
>> leggi di più

Open Arms, Salvini: "Niente sbarco, non cambio idea"   (Mon, 19 Aug 2019)
>> leggi di più

Speciale Maternità!

...tutto quello che c'è da sapere per esercitare i propri diritti di madre/padre!

CIA, com'era... e com'è!

Dopo il "Cia in pillole", abbiamo predisposto una nuova iniziativa:

"Cia com'era e com'è"

Ogni settimana vi invieremo una "puntata" nella quale chiariremo le differenze col precedente Contratto integrativo e esporremo le novità che sono state introdotte nel nuovo.

01 - Prima Uscita - Cia com'era e com'è
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB
02 - Seconda Uscita - Cia com'era e com'
Documento Adobe Acrobat 2.0 MB
03 - Terza Uscita - Cia com'era e com'è
Documento Adobe Acrobat 897.0 KB
04 - Quarta Uscita - Cia com'era e com'e
Documento Adobe Acrobat 1.7 MB

Occhi BEN Aperti!

 

 

-DISCIPLINARI

-STRESS

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI: sempre in agguato e sempre più frequenti. l'INIZIATIVA del NAZIONALE Unisin.

● scarica&leggi

STRESS: per la CASSAZIONE l'azienda è RESPONSABILE dell'ORGANIZZAZIONE del LAVORO e dello STRESS causato ai DIPENDENTI! (ma ai corsi non lo dice...)

● scarica&leggi

TAGLI alla SALUTE in Findomestic

Domandiamo Insieme:

perché vi fate belli con Telethon e poi tagliate le tutele sanitarie dei vostri dipendenti? 

il MARKETING di PINOCCHIO
2013.11.26 Polizze Sanitaria ed Infortun
Documento Adobe Acrobat 180.0 KB
le CASTE ed il GIOCO delle TRE CARTE
2013.07.22 Scandalo Findomestic parte2.p
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB
i TAGLI di NASCOSTO
2013.07.14 Scandalo Findomestic p1.pdf
Documento Adobe Acrobat 216.5 KB

Fondo di Solidarietà Settore Credito

Guida alle novità di rilievo sulla applicazione delle norme introdotte dalla riforma pensionistica.

-leggi il doc della Segreteria Nazionale

tutti gli ultimi comunicati su Riforma del Lavoro, Antirapina, Straordinari in Sostituzione, Allarme Derivati, etc...

-vai nella sezione apposita

Iscriviti a Unità Sindacale!

Seguici su Facebook

Bieffe5: visita la sezione dedicata

Polizza RC-Capofamiglia inclusa nella quota di iscrizione a Unità Sindacale, scarica il Foglio Informativo

visita il sito di FALCRI BNL

Comunicazioni del Coordinamento Unità Sindacale Gruppo BNP Italia

Rassegna Stampa

Consulta la Rassegna Stampa