(VER) GOGNA MEDIATICA

 

Chi di noi non si è imbattuto nei famosi video (ahinoi) virali riguardanti un noto Istituto di credito

Italiano? Questi video definiti dalle aziende “motivazionali”, non sono casi isolati ma prassi diffuse che riguardano anche la nostra banca.

 

 

Avendo denunciato da tempo il proliferare più o meno spontaneo di queste situazioni, anche nella nostra azienda, negli ultimi incontri con l’HR abbiamo chiesto un intervento che sani le storture presenti e che dia il massimo delle garanzie a tutti i soggetti coinvolti. E’ fondamentale ed urgente, tutelare l’immagine sia dei dipendenti che dell’azienda, ma riteniamo anche importante aprire una riflessione in azienda proprio sull’uso dei Social media e sulle relative implicazioni che ne derivano, anche e soprattutto alla luce dell’inaccettabile gogna mediatica della quale sono stati vittime i lavoratori coinvolti [...]     

                                                                                  ● scarica&leggi il volantino

#inform@(t)tiva! n°4/2017 - Novità sui Ticket Restaurant!

In arrivo molte "novità" nelle regole di utilizzo dei Buoni Pasto. Fra pochi giorni diventeranno effettivi i cambiamenti introdotti dal legislatore. Scommettiamo che ci vorranno, poi, pochi mesi affinché i circuiti degli esercenti si adeguino.

Il nostro Ticket Restaurant assomiglierà sempre di più ad una "moneta", si potrà spendere al supermercato, negli agriturismi, nei mercati rionali, negli spacci aziendali, etc. Se ne potrà cumulare fino a 8 per una unica spesa. Per l'eperienza di tanti colleghi queste possibilità non sono affatto nuove. Anche gli articoli di stampa danno atto che molti esercizi commerciali erano già in grado di eludere le griglie della precedente ristretta e miope normativa. La differenza è che, dal 9 settembre in poi, con l'entrata in vigore del decreto n.122 del 7 giugno 2017, molti dei precedenti impieghi "creativi" diventano regolari. Il fatto che le norme si adeguino ad una situazione, di fatto, piuttosto diffusa, ci sembra positivo. Immaginiamo che si vengano presto a sanare molte disparità fra i territori e fra i marchi della grande distribuzione, con un conseguente ampliamento delle possibilità di spesa. Per altro, come UNISIN, abbiamo sempre pensato che certe limitazioni [...]

● scarica&leggi il nostro notiziario

#inform@(t)tiva! n°3/2017 - Speciale Lavoro Agile

Parte il Lavoro Agile in Findomestic frutto degli accordi del 6 giugno scorso!

C'è tempo fino al 24 luglio per candidarsi alla sperimentazione di: Smart Working (1 o 2 giorni a settimana si lavora collegati dal domicilio o da una Sede vicina);
Schemi Orari Diversi (orari standard 8:30/17:00, oppure 8:30/16:30 con 30' di pausa pranzo, oppure 9/15 in rete);
Telelavoro (si lavora collegati da casa rientrando in ufficio almeno 2 volte al mese).

● scarica&leggi il nostro notiziario

Ottimo Lavoro, Ottimi Risultati, 7 Nuovi Accordi

“La ricerca di una miglior conciliazione tra le esigenze della vita privata e quelle del lavoro è la formula giusta per migliorare la produttività e l’efficienza anche in contesti già caratterizzati da performances e risultati straordinari” dichiara Tommaso Vigliotti, Dirigente Nazionale del Sindacato UNISIN commentando l’accordo che introduce in Findomestic Banca diverse forme di lavoro agile.
“Spinti da questa convinzione – continua Vigliotti – e muovendoci anche in anticipo rispetto all’approvazione di una normativa di legge in materia di smart working, abbiamo previsto un periodo sperimentale di 12 mesi, con l’introduzione di lavoro agile, che prevede la possibilità di lavorare da casa o altro luogo a scelta del collega per uno o due giorni alla settimana; abbiamo disciplinato il telelavoro, cioè il lavoro svolto interamente da casa; e abbiamo aperto a schemi orari diversi rispetto a quello standard vigente in azienda, ma sempre nei limiti del CCNL”.
“In un’epoca caratterizzata da pressioni commerciali insostenibili finalizzate a risultati di corto respiro ma che sul lungo periodo hanno effetti dannosi per il sistema e per l’economia oltre che per il benessere psicofisico dei lavoratori – afferma Vigliotti – noi miriamo ad invertire la rotta e siamo convinti che la strada da seguire sia quella di migliorare il clima di lavoro e mettere in condizione i colleghi di esprimere in serenità il proprio ampio potenziale”
“Con questo accordo – spiega il Dirigente di UNISIN – si conferma la tradizione di profonda attenzione e sensibilità agli aspetti sociali che caratterizza le relazioni sindacali in Findomestic Banca”.
“Contestualmente – conclude Vigliotti – abbiamo sottoscritto altri importanti accordi: sul Premio Aziendale con l’obiettivo di confermare le due mensilità anche per il prossimo biennio; sul contributo spese che l’azienda paga per il fondo pensione che viene incrementato da 2 a 2,5 volte rispetto a quanto pagano i lavoratori e, in questa occasione, abbiamo strappato un contributo aggiuntivo pari a 150€ sulla posizione individuale di ogni iscritto al fondo pensione; ed infine, come riconoscimento extra per gli straordinari risultati dell’ultimo anno, preteso con fermezza dalle Organizzazioni Sindacali, un contributo di 500€ in welfare aziendale”.

● scarica&leggi i PDF integrali degli accordi

Comunicato Stampa Nazionale
2017.06.06 CS Unisin Findomestic accordo
Documento Adobe Acrobat 89.8 KB
Volantino Unitario
2017.06.08 Ottimo lavoro 7 nuovi accordi
Documento Adobe Acrobat 346.7 KB

In attesa dell’approvazione del bilancio da parte del CdA e dell’ufficializzazione dei relativi dati, l'informativa fornitaci dall'HR nell'ambito dell'Incontro Annuale, così come previsto dall'art. 12 del CCNL, ci ha rappresentato un'Azienda estremamente efficiente e virtuosa con tutta una serie di dati in crescita. Come Rappresentanze Sindacali Aziendali, dall'analisi dei dati relativi al personale, non possiamo però non lamentare una inadeguata politica di assunzioni stabili che dovrebbero supportare lo straordinario sforzo fatto negli ultimi anni, con organici pressoché immobili, ma anche valorizzare, riducendolo con stabilizzazioni, l'eccessivo bacino di lavoratori con contratti a tempo determinato presenti in Azienda.  In relazione all’andamento economico e produttivo dell'Azienda, i dati presentati dall'Amministratore Delegato, confermano lo stato di ottima salute di cui gode Findomestic; non volendo lanciarci in fantasiose previsioni sul futuro e considerando i fattori “straordinari” che hanno favorito lo strabiliante risultato del 2016, per i prossimi anni è comunque lecito attendersi che i fondamentali indicatori economici (utile lordo, impieghi, PNB, costi operativi, rischio) possano confermarsi su un trend di positiva stabilità. Su queste basi, abbiamo rinnovato la nostra richiesta di premiare, in occasione dell’accordo sul Premio Aziendale per il prossimo biennio, quel “plusvalore” realizzato con il contributo di tutti noi, rispetto alle previsioni di Utile effettuate per il biennio 2015/2016 e sulle quali avevamo condotto le precedenti negoziazioni. L’azienda si convinca di non poter "incassare" gli eccezionali extrautili senza un adeguato riconoscimento ai lavoratori, noi ci siamo resi disponibili ad avviare un aperto confronto anche su tutte le opzioni che le vigenti norme consentono. Intanto, il confronto sulle forme di lavoro agile (smartworking, telelavoro, schemi orari diversi) procede spedito, salvo la brusca frenata rappresentata dai perimetri presentati dall’azienda per la fase sperimentale. Al momento non vogliamo trarre giudizi definitivi perché siamo fiduciosi in un allargamento del numero di persone e in un ampliamento delle direzioni e degli uffici coinvolti nella sperimentazione. Ci auguriamo che le resistenze di talune direzioni possano essere superate velocemente: un’azienda che si vanta di essere all’avanguardia per la velocità dei processi, la dematerializzazione, l'attenzione all’ambiente, ed in sintesi un'azienda che si rappresenta come Responsabile, Solidale e Sensibile, non può permettersi di ostacolare processi che favoriscono le flessibilità orarie e lavorative e che permettono la conciliazione dei tempi di via e di lavoro e che tante banche tradizionali stanno già da tempo sperimentando con successo [...]

● scarica&leggi il volantino

In data 27 Marzo, le sottoscritte OO.SS. hanno raggiunto un’ipotesi accordo con l'azienda, per il rinnovo dell'accordo relativo alla CCP (Continuity Credit & Partner Care) cioè la Struttura di Sede che svolgendo il lavoro su turni e 7 giorni su 7, permette all'azienda di dare risposte ai mercati di riferimento, garantendo una continuità del servizio per i nostri partner commerciali. Consapevoli del carattere strategico della struttura, queste rappresentanze sindacali si sono date, anche per questo rinnovo, un duplice obiettivo:   

• il miglioramento delle condizioni lavorative di chi lavora su turni nella CCP.  • la garanzia, per tutte le strutture del Mestiere sul territorio, di mantenimento e salvaguardia degli equilibri in termini di organici e carichi di lavoro.   

Riteniamo, con quest’ipotesi di accordo che sarà sottoposta all’assemblea nei prossimi giorni, di essere riusciti a realizzare questo delicato compito.  

Per quanto riguarda la CCP, abbiamo definito in maniera chiara gli orari della struttura che sarà operativa tutti i giorni dalle 14:30 alle 21:00 ed il sabato e la domenica dalle 09:00 alle 21:00; queste fasce orarie non potranno essere ampliate in alcun caso, ma allo stesso tempo l'accordo definisce in maniera chiara anche la presenza in CCP di un nucleo di lavoratori e lavoratrici nella fascia oraria 09:00-14:30 in grado di garantire al Mestiere un margine di flessibilità che permetta di gestire specifiche lavorazioni o particolari esigenze ed ai lavoratori una possibilità di orario mattutino. Questo gruppo, sempre nell'ottica di uno sviluppo equilibrato delle varie strutture del Mestiere, potrà arrivare ad avere una dimensione fino al 3,5% delle risorse medie annue assunte a tempo indeterminato nei CPA.   

Altra novità introdotta nell'accordo è la creazione di un gruppo di almeno 10 lavoratori, che sempre nella CCP, potrà richiedere un orario full time distribuito su 6 giorni (quindi con l'orario 6*6 dal lunedì al sabato): tale innovazione si sviluppa in coerenza anche con i precedenti rinnovi dell'accordo che hanno sempre puntato ad un incremento delle ore lavorate per i colleghi impiegati nella particolare struttura, quasi tutti part time a 32 ore (tempi indeterminati) e a 28 ore (tempi determinati) [...]

● scarica&leggi il volantino

"Acconto VAP"

[...] abbiamo anche sottoscritto un accordo con cui si introduce in Findomestic la "Banca della Solidarietà": una banca del tempo che consentirà ai colleghi che si trovino in determinate condizioni, di fruire di permessi retribuiti. Tale "Banca della solidarietà" sarà alimentata dalle donazioni volontarie di ore di permesso da parte dei colleghi e dalla contribuzione doppia dell'azienda. Per ogni ora donata dai colleghi, quindi, l'azienda ne donerà altre due.

 

● scarica&leggi il volantino

#inform@(t)iva 2 2017

Il Decreto Legislativo n. 151/2015, attuativo della riforma denominata “Jobs Act”, ha modificato la normativa vigente (Decreto Legge n. 463/1983), introducendo una specifica disciplina sulle esenzioni dalla reperibilità (in caso di visita fiscale) per i Lavoratori subordinati del settore privato.   Con il Decreto Ministeriale emanato l’11 gennaio 2016, attuativo di tale previsione normativa, sono state individuate le fattispecie che danno diritto alle suddette esenzioni. Con la circolare n. 95/2016, l’INPS è intervenuta per le indicazioni di dettaglio. Sono esclusi, quindi, dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità (allo stato, per il settore é [...]    

 ● scarica&leggi il notiziario

Coccole o Chiacchiere?

Negli ultimi incontri del 22 e 23 febbraio scorsi abbiamo iniziato ad entrare nel vivo del confronto con la DHR sul Premio aziendale per gli anni 2017 e 2018, mentre ricordiamo che il VAP 2017 (riferito all’anno 2016 ed in erogazione il prossimo giugno), è misurato in base alla tabella già concordata nel CCA e, presumibilmente, si attesterà sulle 2 mensilità.
Sia sul Premio in erogazione nel prossimo giugno che sulla trattativa inerente il Premio del prossimo biennio, non possiamo che ribadire con forza quanto già sostenuto nel nostro ultimo comunicato dello scorso 10 febbraio: per la trattativa in corso, è doveroso tener conto del livello a cui tendono ad attestarsi gli utili della nostra azienda, e riconoscere concretamente il contributo determinante di tutti noi.
Come OO.SS. intendiamo, inoltre, individuare i criteri (tabelle) per determinare l’ammontare del Premio per entrambi i prossimi due anni, come previsto dal CCA ed in coerenza con la durata dello stesso.

● scarica&leggi il volantino

Si può occupare di più

Il primo confronto con l’azienda del 2017, svoltosi l’8 febbraio, ha avuto ad oggetto diverse tematiche. Innanzitutto, l’azienda ci ha fornito i dati relativi all’occupazione, ai sensi del nostro Contratto Collettivo Aziendale (art. 27). Come si può osservare dalla tabella seguente, prosegue il trend di moderata e prudente crescita dell’organico.

 

● scarica&leggi il volantino

Valutazione delle Prestazioni: è ammesso il ricorso e, a volte, può essere opportuno - Speciale #inform@(t)iva

Valutazione delle Prestazioni: è ammesso il ricorso e, a volte, può essere opportuno.  Sono iniziati in questi giorni i colloqui di valutazione delle prestazioni relativi all’anno 2016, il cui termine è fissato, normalmente, entro la fine di febbraio. Ricordiamo ai colleghi che, ai sensi del vigente CCNL (art. 75) è possibile fare ricorso contro la valutazione ricevuta.  Alleghiamo di seguito un modello di ricorso, che va inviato alla DHR entro 15 giorni dalla data in cui viene comunicata la valutazione.  Entro 30 giorni dalla ricezione del ricorso, la DHR dovrà fissare un colloquio: in tale occasione il collega è assistito dal Sindacato cui aderisce.  Dalla data del colloquio, decorrono i 60 giorni entro i quali l’azienda dovrà rispondere dando esito al ricorso. 

                                                                                  ● scarica&leggi il notiziario

Piano di Sviluppo: Un futuro solido e digitale

Nella giornata di martedì 20 dicembre u.s. abbiamo incontrato il DG che ci ha illustrato il nuovo Piano di Sviluppo, in vigore dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2020. Bilancio 2016: E’ sotto gli occhi di tutti che i numeri sono ampiamente soddisfacenti. Findomestic chiuderà l'anno con tutti i fondamentali obiettivi economici raggiunti e ampiamente superati, in produzione, impieghi, quote di mercato, rischio. Lasciamo alle prossime demoltipliche la descrizione in dettaglio dei numeri e, intanto osserviamo che dai risultati illustrati emerge, in tutta la sua chiarezza, una certezza: il lavoro svolto in questi ultimi anni ha consolidato ulteriormente i fondamentali della nostra azienda che si presenta, in un panorama bancario dove abbondano situazioni estremamente critiche, come un'impresa sana e forte, che non può prescindere dall'abnegazione, impegno e disponibilità dei suoi collaboratori. Piano di Sviluppo [...]

 

● scarica&leggi il volantino

#inform@(t)tiva - Quadri direttivi e part-time

Gli importi previsti ad oggi nella retribuzione di gennaio 2017 sono di €800 per i QD1 e QD2, ed €1200 per i QD3 e QD4. Sappiamo che questi importi sono ben poca cosa rispetto a ben altri diritti. Peccato, ma così vanno le cose per la categoria Quadri Direttivi che in azienda è abbondantemente bistrattata a tutti i livelli, senza una politica effettiva di tutela e di salvaguardia dei diritti di ieri, ma soprattutto per quelli di domani [...]

 

● scarica&leggi il notiziario

L'etica prima di tutto

A distanza di 8 mesi dal precedente confronto, l’8 novembre scorso siamo tornati ad incontrare i Responsabili del Controllo Etico Deontologico di Findomestic. Come Organizzazioni Sindacali, partendo da un excursus sull’evoluzione della gestione degli aspetti disciplinari nel corso degli anni ed in particolare dall’istituzione della specifica funzione, abbiamo registrato e riconosciuto dei positivi cambiamenti negli ultimi mesi.  Rispetto al modus operandi ed al clima da esso generato, che abbiamo denunciato con forza per tutto il 2015 e che furono alla base del confronto dell’8 marzo 2016,  abbiamo notato un approccio meno inquisitorio ed un abbandono della “presunzione di colpevolezza” che spesso permeavano indagini e contestazioni.  

Certo, il limitato arco temporale di riferimento (appena 8 mesi) ed il contenuto numero di casi osservati, non ci consentono di affermare che siamo di fronte ad un trend consolidato e, quindi, ad un definitivo cambio di rotta. Siamo, tuttavia, fiduciosi che, grazie al confronto continuo con HR ed a questi incontri periodici con l’ufficio competente, si possano affermare ulteriormente i miglioramenti registrati. [...]

● scarica&leggi il volantino

#inform@(t)tiva - La chiave del successo

I successi della nostra azienda, sempre crescenti in particolare negli ultimi anni e, secondo le previsioni, anche per quelli a venire, ci rendono orgogliosi. Soprattutto per il contributo determinante, in termini di dedizione, professionalità ed attaccamento, di ciascuno di noi.

Ai “piani alti” di Findomestic e del Gruppo sta prendendo vita il prossimo “piano di sviluppo” che, giustamente, punterà ad individuare strumenti e modalità di lavoro innovativi per accrescere ulteriormente la nostra già elevatissima produttività e, con essa, i ricavi.

Pur riconoscendo l’importanza dell’innovazione dei prodotti e dei servizi, della digitalizzazione degli strumenti di lavoro, di innovative strategie di marketing e di nuovi accordi commerciali, noi siamo convinti che un ulteriore, decisivo, contributo alla crescita dei nostri risultati possa e debba venire dal fattore umano, vero motivo del successo globale di Findomestic.[...]

● scarica&leggi il notiziario

UNISIN consiglia ADUC

Cari iscritti UNISIN, abbiamo appena attivato un canale di comunicazione diretto con l'Associazione di Tutela dei Consumatori ADUC. Lo scopo è quello di offrirvi un servizio di tutela qualificato rispetto alle tante problematiche che, sempre più spesso, investono la vita privata nei rapporti con i vari fornitori di servizi al consumatore. ADUC ci è sembrata l’associazione più adatta allo scopo: una associazione che risolve e insegna a risolvere, fornendo tutti gli strumenti necessari alla difesa dei propri diritti.
- Visitate il sito www.aduc.it all’interno del quel già si trovano le risposte a molti problemi.
- Scriveteci alla nostra mail unisinfindomestic@gmail.it specificando come oggetto “per ADUC” tutti quei nuovi quesiti per cui avete bisogno di aiuto.
- Nei casi in cui fosse necessario rivolgersi ad una delle Sedi di Aduc (l’elenco è disponibile a questo indirizzo http://www.aduc.it/info/consedi.php) fatevi identificare con la tessera di iscritto Unisin Findomestic.
Confidando di aver fatto cosa gradita, nell’ampliare la rosa dei servizi rivolti agli iscritti, vi auguriamo un buon rientro dalle meritate ferie estive.

TERREMOTO

Findomestic, BNL e tutte le Aziende del Gruppo BNP Paribas hanno raccolto l'invito delle organizzazioni sindacali sospendendo il pagamento delle rate dei prestiti e dei mutui per tutte le popolazioni terremotate. In più hanno attivato una raccolta fondi fra i dipendenti da destinare all'aiuto concreto delle popolazioni.

● scarica&leggi il volantino

DIRETTI al punto!

Forti pressioni commerciali: a fronte di risultati nettamente sopra il budget e con incrementi annui da capogiro, si spinge verso il “primato in classifica” in una gara perversa, arrivando a “evidenziare” – attraverso logiche non comprensibili e discutibili, quali la cosiddetta “PEPERONATA” – quelle agenzie/team che, pur essendo sopra il budget, semplicemente non sono le più performanti in rapporto ad altre.
Gli Organici appaiono ridotti all’osso, anche a causa di carichi di lavoro non sempre dipendenti dalla programmazione: le “visite” nei Centri Clienti sono flussi non programmati e non programmabili, ma gli obiettivi a fine giornata restano uguali. Rientrano nello stesso ambito le difficoltà dei satelliti e delle piccole agenzie, nella programmazione delle ferie o nella sostituzione di malattie ed infortuni o di semplici visite mediche. Auspichiamo un'analisi puntuale delle singole realtà per trovare soluzioni “ad hoc” attraverso incrementi di personale e strutture di supporto alle situazioni di emergenza.
Contestazioni disciplinari e sanzioni utilizzate come strumento di rieducazione di massa (si veda il volantino I Montessoriani), ma i colleghi non vengono messi in condizione di operare nella rigida osservanza delle metodologie e nell’approfondimento delle stesse. Se non si ha il tempo di leggere le Circolari e le Disposizioni Operative aziendali, si corre il rischio di incorrere in errori. [...]

● scarica&leggi il volantino

RLS = Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Firmato l'accordo per il rinnovo dei Rappresentati dei Lavoratori per la Sicurezza (in calce il Regolamento Elettorale e le Circoscrizioni).

Le Rappresentanze Sindacali e l'Azienda migliorano l'implementazione dell'accordo quadro nazionale indicando 9 rappresentanti e 50 ore cadauno per la sola visita dei locali di competenza, escluso i viaggi.

L'auspicio è che una maggiore disponibilità di risorse si traduca in una sempre maggiore presenza degli RLS nei luoghi di lavoro, per verificarne l'efficienza e prendersi in carico la soluzione dei problemi.

E' altresì importante che i tutti i colleghi si attivino sempre più spesso per le segnalazioni del caso.

Al termine mandato degli attuali, si svolgeranno le elezioni dei nuovi Rappresentanti.

● scarica&leggi l'accordo aziendale

Findomestic: Sereno Variabile

Nell’ultimo incontro avuto con la direzione HR, ci sono stati forniti i dati sul personale in organico al 31.12.2015.

  • 2.259 persone in organico al 31.12.2015 +3,1% rispetto all’anno precedente
  • 31 contratti a tempo indeterminato nell’anno + 23 in rete e + 8 in sede

Rispetto al mercato del lavoro nazionale non possiamo che essere contenti delle stabilizzazioni e della seppur timida crescita degli organici, ma riteniamo siano comunque insufficienti alla luce della crescita dei volumi gestiti e dei risultati raggiunti.
Per il 2016 l’Azienda prevede un’ulteriore crescita dell’occupazione e delle stabilizzazioni a supporto del business e dell’organizzazione aziendale ma, ritenendo tale aumento troppo timido, auspichiamo che le assunzioni siano superiori a quelle messe in preventivo.
Un esempio su tutti: nel 2015 l’Azienda ha incrementato di sole 4 risorse il canale diretto. Numero decisamente insufficiente rispetto al lavoro prodotto dai consulenti del Mercato Clienti, costretti quindi a sopportare elevate pressioni commerciali sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, realizzando nonostante tutto numeri e performance riconosciute dalla stessa azienda come eccellenti. Tale situazione è stata rilevata anche in altri settori aziendali.

Nel settore Studio l’organico è stato incrementato di + 5 tempi indeterminati, numero palesemente inferiore rispetto a quanto comunicato in sede di plenaria dal referente del Canale. Alla luce delle recenti partnership con Poste e Volvo riteniamo sia assolutamente insufficiente rispetto alle conseguenti lavorazioni.
Crediamo sia giunto il momento di apportare dei correttivi importanti e tangibili che segnino positivamente la strada del prossimo Piano Industriale. [...]

● scarica&leggi il volantino

VAP welfare e detassazione: come orientarsi

La Legge di Stabilità 2016 ha riproposto la cosiddetta “detassazione”, ossia la previsione di un’imposta sostitutiva (dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali) pari al 10%, applicabile ai premi di risultato, con i seguenti limiti:
-- importo massimo del premio che può beneficiare dell’agevolazione pari ad €2.000 lordi, innalzabili ad €2.500 per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro;
-- un requisito reddituale necessario per beneficiare dell’agevolazione fissato in €50.000 lordi come tetto di reddito da lavoro dipendente relativo all’anno 2015.

 

Come Sindacato, abbiamo già inoltrato all’Azienda una proposta strutturata che permetterebbe di adempiere a quanto previsto dal decreto attuativo della Legge di Stabilità circa l’innalzamento della soglia di premio detassato ai previsti €2500. Siamo in attesa di risposta. Ad oggi quindi, utilizzeremo per le seguenti spiegazioni, il valore limite oggi previsto ed ampiamente comunicato dall’azienda.


Una significativa novità introdotta per la prima volta quest’anno consiste nel fatto che tali limiti di €2.000 come ammontare massimo di premio e di €50.000 come massimale di reddito, valgono sia per la DETASSAZIONE che per l’opzione WELFARE come modalità di pagamento del premio. [...]

● scarica&leggi il volantino

Findomestic squadra eccezionale: ma i conti non tornano...

Utile netto 166mln
(+35% e +51mln /2014)
Produzione 5.903mld
(+16% e +789mln /2014 e +12% /bgt)
Costo rischio 265mln
(-12% e -37mln /2014)
Impieghi 11,8mld
(+1% /2014)

- - -

In un tale contesto stride fortemente, però, l’atteggiamento di chiusura aziendale su alcune questioni: la Legge di Stabilità ha fissato in € 2.000, innalzabile ad € 2.500, il limite di premio aziendale che potrà fruire della detassazione (imposta sostitutiva del 10% invece della normale aliquota irpef) ed ha esteso tali limiti anche alle somme dello stesso VAP fruibili in modalità welfare. Secondo noi sussistono tutte le condizioni per innalzare la suddetta soglia a 2.500 € ma abbiamo riscontrato un’inspiegabile chiusura da parte aziendale.
Abbiamo preteso che il confronto sul tema prosegua e, come OO.SS., presenteremo una serie di proposte utili all’innalzamento del limite del premio detassabile a 2.500 € su cui l’azienda dovrà dare risposte motivate; a tal fine abbiamo prorogato nuovamente la scadenza per le adesioni alla formula welfare al prossimo 11 maggio.
Deve essere chiaro che, se l’azienda tiene al successo dell’operazione VAP Welfare, l’innalzamento del tetto è fondamentale perché darà maggiori possibilità ai colleghi di optare per l’adesione e consentirà loro di decidere al meglio la quota di VAP da destinarvi.

● scarica&leggi il volantino

JOBS ACT: DIRITTI & MILIARDI bruciati per nulla...

Jobs Act, un un flop decisamente costoso: i costi per coprire la decontribuzione potrebbero sfiorare i 20 miliardi di euro, con una assenza di coperture di oltre 4,5 miliardi rispetto alle stime del governo e a fronte di soli 186 mila occupati in più rispetto all’anno precedente. Questo dimostra in modo inequivocabile che la quasi totalità delle nuove e costose (per la collettività) assunzioni sono composte dalla trasformazione di contratti già esistenti. A questo punto appare ancora più confermato quanto denunciato più volte da UNISIN, anche attraverso importanti manifestazioni, e cioè che dietro promesse (elettorali) che non si potevano mantenere si sono voluti inserire licenziamenti selvaggi abolendo l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Licenziamenti che, adesso, dopo che l’impresa ha usufruito degli sgravi fiscali, rischiano di diventare un comodo strumento per fare cassa visto che, anche nel caso di licenziamento illegittimo, l’unico rischio per l’azienda è pagare qualche mensilità di risarcimento (costo sempre inferiore rispetto al beneficio fiscale ricevuto).
Secondo la retorica ideologica del Governo l’abolizione dell’articolo 18 doveva far accorrere in Italia anche gli investitori stranieri, terrorizzati da questo spauracchio ma, purtroppo, anche da questo punto di vista non si è mosso proprio niente...

UNISIN Nazionale: JOBS ACT un FLOP annunciato!
2016_4_6 COMUNICATO - Jobs Act un flop a
Documento Adobe Acrobat 279.8 KB
ADAPT: JOBS ACT il più costoso dei flop!
Jobs Act il più costoso dei flop - www.
Documento Adobe Acrobat 702.4 KB
Servizio Politiche Territoriali UIL: Simulazione effetti Jobs Act
Deca.pdf
Documento Adobe Acrobat 95.5 KB

Ancora con le PRESSIONI COMMERCIALI!?

Per anni, come Organizzazione Sindacale, ci siamo occupati delle pressioni commerciali evidenziando, nel tempo, le varie modalità con cui si utilizzava qualsiasi mezzo per sollecitare i dipendenti delle Banche alla vendita di determinati prodotti e servizi. Per anni abbiamo cercato di opporci, con ogni mezzo e con ogni possibile iniziativa, agli eccessi, alle pressioni ingiustificate ed intollerabili sui Colleghi rispetto alle normali attività commerciali che ogni Azienda ha il diritto di esercitare in un regime di libera concorrenza. Per anni abbiamo evidenziato che i budget devono essere, eventualmente, raggiunti esclusivamente nel rispetto della professionalità e della dignità dei lavoratori bancari oltre che in riferimento alla tutela dei legittimi interessi della clientela e, più in generale, del risparmio.

UNISIN Nazionale: Ancora con le PRESSIONI COMMERCIALI!?
2016_3_30 COMUNICATO - Pressioni commerc
Documento Adobe Acrobat 205.7 KB

Prendi nota...

Permessi elettorali per i lavoratori designati ai seggi.
2016_4_4 Il Punto su ... n. 7 .pdf
Documento Adobe Acrobat 474.3 KB
Detassazione dei premi di produttività 2016.
2016_4_1 CIRCOLARE - DETASSAZIONE.pdf
Documento Adobe Acrobat 185.3 KB

I MONTESSORIANI... in Findomestic i conti non tornano

In occasione dell’incontro di martedì, 8 marzo 2016, si è tenuto il confronto, richiesto dalle OO.SS. al Direttore Generale, con i Responsabili del Controllo Etico e Deontologico di Findomestic.
Abbiamo accolto la nascita di tale specifica funzione con favore, riconoscendone l’importanza oltre che la delicatezza delle attività: a nostro avviso, però, l’istituzione di questo organismo aziendale non è stata accompagnata da una formazione ed una informazione adeguata di tutti i dipendenti.
Nel 2014 sono state “erogate” 11 sanzioni disciplinari (7 nel 2013) ma molte di più sono state le lettere di contestazioni mosse ai colleghi. Troppo numerosi e frequenti sono stati i casi di contestazioni disciplinari fuori luogo in quanto non si basavano sul mancato rispetto di norme, disposizioni operative o circolari aziendali ma su prassi consolidate ed affermate in azienda, spesso avallate ad alti livelli. Ed il fatto che, spesso, le contestazioni disciplinari e/o le “indagini” si siano concluse con un nulla di fatto non rappresenta un’attenuante bensì è una palese aggravante: si dimostra, infatti, che la contestazione non era neanche da muovere!
Risulta dunque evidente la percezione di un modus operandi inquisitorio e colpevolista, tanto che si è reso necessario ed indifferibile questo confronto: è evidente quanto l’azienda di carta sia ben lontana dall’azienda reale! [...]

● scarica&leggi il volantino

Riunificazione dei tavoli sindacali in FIndomestic

Siamo lieti di comunicare a tutte le lavoratrici ed a tutti i lavoratori che, al culmine di un confronto che ha visto il coinvolgimento attivo di tutte le Organizzazioni Sindacali presenti in azienda, avviato a partire dal rinnovo del CCNL e finalizzato a superare le divergenze che negli scorsi anni hanno tenuto separati i tavoli negoziali aziendali, che si è concluso negli scorsi giorni con esiti positivi, anche in Findomestic sono stati riunificati i tavoli sindacali per tutti i momenti di confronto previsti dalle vigenti normative di legge, di settore ed aziendali. A partire dal prossimo appuntamento, dunque, tutto il Sindacato si confronterà congiuntamente con la delegazione aziendale. Siamo sicuri che uniti potremo, ancora di più e meglio, difendere i nostri diritti e contribuire a rendere migliore la nostra azienda.
Già in occasione del prossimo incontro, ci confronteremo con l’azienda ad un unico tavolo e, tra le altre cose, su un nuovo delicato strumento di monitoraggio del trend di trasformazione dei trattamenti al recupero, che dovrà necessariamente rientrare nel perimetro dell’accordo sul controllo a distanza vigente in azienda.

Chia ha paura della flessibilità oraria?

Denunciamo la scarsa lungimiranza e l’incapacità dell’azienda a procedere con una visione d’insieme e non a compartimenti stagni: la stessa azienda ha ammesso di aver adibito i colleghi coinvolti nel test anche ad altre attività di studio proprio in considerazione del basso numero di pratiche da gestire/esitare. Ciò dimostra, a nostro avviso, proprio la fattibilità di un progetto che si inserisce in un più ampio programma, che come Sindacato da tempo rivendichiamo, di introduzione della flessibilità oraria in tutti i settori ed in tutti i luoghi di lavoro, coinvolgendo anche la pausa pranzo, al fine di coniugare - in modo armonioso e  profittevole per tutti - le esigenze della clientela, dei venditori convenzionati, degli standard di produttività ed organizzativi di Findomestic con le aspettative e le esigenze professionali e personali delle colleghe e dei colleghi che da anni contribuiscono in modo determinante ai successi di questa azienda. [...]

● scarica&leggi il nostro volantino

Findomestic a gonfie vele!

Lo scorso giovedì 21 gennaio, abbiamo incontrato il Direttore Generale che ci ha illustrato l’andamento del Gruppo BNP Paribas e dell’azienda nell’anno 2015 ed i progetti per il 2016.
I risultati dell’intero gruppo, trainati da Personal Finance, sono in sensibile miglioramento. All’interno di Personal Finance, in un quadro che fa registrare un trend in netta crescita, spiccano per brillantezza i risultati di Findomestic! Se, infatti, il Gruppo BNP Paribas nel 2015 (dati aggiornati al terzo trimestre), ha recuperato ed assorbito gli effetti della sanzione USA che nel 2014 aveva contribuito ad un risultato negativo, Findomestic chiude l’anno appena passato macinando nuovi record, con una crescita del 17,3% (che rappresenta un risultato superiore del 9,9% anche rispetto al budget prefissato). Il PNB, per la prima volta, supera il miliardo di euro con un incremento del 2,7% sull’anno precedente ed un contenimento importante del costo del rischio. Se è pur vero che anche le spese generali sono in crescita del 3,4%, l’azienda - che ha tenuto a precisare che all’incremento dei volumi non corrisponde necessariamente un’implementazione degli organici - non ci ha chiarito quanto incida il costo del personale sulle spese generali e quale sia il trend di tale voce di costo (attendiamo con curiosità questo dato).
Ricordiamo, infatti, che tali eccellenti risultati sono stati conseguiti nonostante il 2015 abbia rappresentato il primo anno senza 93 colleghe e colleghi ceduti a BPI! Proprio sull’operazione cessione di ramo d’azienda e costituzione della società consortile del Gruppo, le Organizzazioni Sindacali hanno voluto ribadire direttamente al DG la propria netta contrarietà e, col senno di poi, la sempre maggiore incomprensibilità di un’operazione che non appare funzionale al miglioramento dell’efficienza operativa aziendale. Un’operazione che, oggi ancor più di ieri, pare Findomestic abbia subìto, nell’ambito dell’appartenenza al Gruppo. [...]

● scarica&leggi il nostro volantino

...dal Nazionale!

CONGEDO PARENTALE AD ORE A decorrere dal 1° febbraio 2016 entrano in vigore le modalità per la fruizione del congedo parentale ad ore, omogenee per tutte le banche, fissate dall’accordo tra Abi e OO.SS. del 15 dicembre 2015.
Si concretizza così, come da impegni presi in sede di rinnovo del CCNL 31 marzo 2015, la possibilità per le lavoratrici e i lavoratori di poter fruire con maggiore elasticità delle previsioni legislative sui congedi parentali ad ore. [...]

● scarica&leggi il nostro volantino nazionale

Polizza Sanitaria: inversione di rotta!

Finalmente, dopo anni, si intravede un’inversione di rotta sulla Polizza Sanitaria! Le battaglie degli anni passati non sono state combattute invano! Per la prima volta da anni, la polizza non è aggredita da tagli ma vede arricchirsi le sue coperture.
Ma partiamo dall’inizio. Nell’incontro con il broker abbiamo constatato che la nostra polizza sanitaria mantiene un elevato, e purtroppo crescente, livello di sinistrosità (81% nel 2014 con una proiezione sul 2015 del 91%) che non è di aiuto in termini di appeal per le compagnie assicuratrici. Questo dato, però, seppur seguendo un trend crescente, è significativamente inferiore ai picchi raggiunti pochi anni or sono.
Dall’insieme dei dati fornitici, sui quali notiamo un passo in avanti, anche ai sensi del CIA, in termini di maggiore trasparenza e condivisione - su cui incoraggiamo l’azienda a fare ancora qualche sforzo in più per raggiungere standard adeguati - osserviamo come incidano significativamente le abitudini di uso della polizza stessa, ad esempio il ricorso crescente al circuito. [...]

● scarica&leggi il nostro volantino

Congedi Parentali

Cosa è cambiato con la nuova normativa?
Il congedo parentale retribuito viene assegnato ai genitori di un figlio sino al compimento del sesto anno di età del bambino, non più il terzo.
Viene anche stabilito che il congedo parentale possa essere chiesto sino al compito del dodicesimo anno di età del figlio, piuttosto che l'ottavo, come è stato fino ad ora.
Stessi limiti di età valgono nel caso di ingresso di un minore nel nucleo familiare a seguito di adozione o affidamento.
Il congedo è retribuito con la corresponsione di un indennizzo di ammontare pari al 30% della retribuzione media giornaliera del lavoratore. Questa misura percentuale prescinde le condizioni economiche ed il reddito del lavoratore, e viene corrisposto sino al compimento del sesto anno del bambino (oppure dall'introduzione nella famiglia di un minore adottato o affidato).
 
La norma ha innalzato i precedenti limiti d'età del figlio per la fruizione dei congedi parentali, retribuiti e non, MA … ATTENZIONE! tali nuovi limiti sono circoscritti ai soli periodi di congedo fruiti dal 25 giugno 2015 sino al 31 dicembre 2015!
Per gli anni successivi, il riconoscimento dei benefici previsti dalle riforme in questione potrà avvenire previa adozione di appositi decreti legislativi che individuino adeguata copertura finanziaria = INCERTEZZA.
 
Chi può presentare domanda cartacea e chi no?
Per i genitori di figli di età compresa tra gli otto ed i dodici anni, sarà possibile presentare domanda cartacea ma solo fino a quando non sia aggiornato il sistema informatico dell' INPS.
Per tutti gli altri aventi diritto ma con figli di età inferiore agli 8 anni, dovrà tassativamente essere utilizzato il modello telematico.

UNISIN: Fruizione Congedo Parentale
Fruizione congedo parentale.pdf
Documento Adobe Acrobat 231.8 KB
INPS: Messaggio n.4576
20150706 Messaggio INPS n. 4576 del 06-0
Documento Adobe Acrobat 42.7 KB
INPS: Circolare n.139
20150717 Circolare INPS n. 139 del 17-07
Documento Adobe Acrobat 51.7 KB
Gazzetta Ufficiale: DLGS n.80
20150615 D.Lgs. 80 del 15-06-2015 GU 144
Documento Adobe Acrobat 184.1 KB

Findomestic CONDANNATA per LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO

È triste ammetterlo, ma è la pura e cruda verità! In Findomestic, nella nostra Findomestic, purtroppo oggi avviene anche questo.
Si rischia il licenziamento e, cosa ancor più grave, si usa cinicamente lo svuotamento dei diritti garantito dalle riforme dei vari governi pur di liberarsi di un proprio collaboratore, evidentemente non gradito.
E per farlo non esita a ricorrere ad un licenziamento illegittimo, tanto con l’art. 18 versione Monti-Fornero, anche in caso di condanna, è quasi impossibile per il lavoratore ottenere il reintegro (e per i neoassunti dal 7 marzo 2015 sarà ancora peggio grazie al Jobs Act ed al cosiddetto contratto a tutele crescenti), tutt’al più con poche migliaia di euro ci si libera del lavoratore.
● scarica&leggi il nostro volantino e la SENTENZA di CONDANNA del Giudice

Manifestazioni, Assemblee, Congressi...

Legge Renzi sul Lavoro: lo smantellamento dei diritti...

IL LAVORO AI TEMPI DEL JOBS ACT

-

Il “Quaderno” UNISIN illustra questi primi due Decreti Legislativi che si occupano, rispettivamente, del cosiddetto contratto di lavoro a tutele crescenti e, dunque, del nuovo regime dei licenziamenti e della disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego – NASpI.

● scarica&leggi il manuale della Segreteria Nazionale

Come Volevasi Dimostrare: i buoni accordi sottoscritti per i colleghi che passeranno al Consorzio BPI e in BNL...

Quando a suo tempo dicemmo che l’accordo per i passaggi in BNL era un accordo carente di tutele e di contenuti di salvaguardia economica, e per questo non lo firmammo, molti si sono sentiti in dovere di criticarci e di ritenerci contrari in modo strumentale. Purtroppo negli anni, anche a seguito di nostre esclusive battaglie condotte “per” e “con” i diretti interessati, possiamo affermare di aver avuto ragione su praticamente tutti i punti che non ritenevamo corretti. Abbiamo avuto talmente ragione che le aziende si sono trovate costrette a rimborsare contributi prelevati indebitamente per maggiori interessi sui mutui prima casa, a dover restituire arretrati per mancati avanzamenti/scatti che non volevano riconoscere, a dover trovare soluzioni mitigatorie per promesse non mantenute ecc… Tutto questo ha comportato che negli accordi per i passaggi da Findomestic al Consorzio e a BNL per i colleghi del CRC di Bari, le aziende abbiano dovuto riconoscere una serie di istituti che in passato si sono affannate a dire “non essere dovuti”: ma se è vero oggi lo era anche allora… o forse non lo si voleva accettare solo perché lo affermava unicamente UniSin Findomestic?
scarica&leggi gli accordi sottoscritti

Polizza Infortuni: un passo avanti e due indietro...

Come Unità Sindacale siamo lieti di poter annunciare un primo parziale risultato sul VERO welfare aziendale, la Polizza Infortuni, da mettere insieme al recupero, avvenuto un anno e mezzo fa, sempre grazie ad una nostra battaglia, della Polizza Sanitaria.

Infatti ieri l'Azienda ha comunicato a tutti i colleghi di aver rinnovato la Polizza Infortuni Extraprofessionali offrendo, finalmente, ad ognuno di noi la possibilità di recedere da tale copertura (che comporta un prelievo automatico in busta paga) recuperando anche le somme già trattenute dal mese di gennaio 2014: una toppa dopo aver già fatto il danno, ma pur sempre una toppa.

Quello che teniamo, infatti, a sottolineare è che la polizza, così come è stata sottoscritta nel 2013 e nel 2014 è generalmente inutilizzabile dai colleghi: permanendo i 3 punti di franchigia sull'invalidità riconosciuta dalla Compagnia il 95% dei sinistri che prima venivano coperti non saranno più rimborsati.

Invitiamo per tanto i colleghi a valutare bene se vale ancora la pena di mantenere tale adesione (e la conseguente trattenuta...). La possibilità di recedere scade il 18 marzo 2014. Un termine di tempo, a nostro giudizio, assolutamente insufficiente.

Raccomandiamo ai colleghi che intendano effettuare il recesso di specificare che si tratta dell'anno 2014. 

-scarica&leggi il nostro volantino completo

-scarica&leggi il nostro volantino completo sullo scandaloso comportamento aziendale relativamente alle tutele sanitarie ed infortunistiche dei dipendenti.  

Scandalo Polizza Infortuni, 2°puntata: Le CASTE in Findomestic

Proseguendo l'analisi delle nuove condizioni della POLIZZA INFORTUNI stipulata dall'AZIENDA con UNIPOL/Fondiaria-­‐SAI scopriamo la "VERA ETICA" aziendale.

Al vertice della piramide siedono i più dirigenti di tutti: "Cat. DIRETTORI GENERALI E AMMINISTRATORE DELEGATO" (cit. Programma assicurativo infortuni, pag.3), per loro si assicura una somma pari ad 8 volte la retribuzione annua con un massimo di 3.200.000€.

Seguono "Cat. VICEDIRETTORE GENERALE e DIRETTORI" (cit. idem, pag.3) per i quali si assicura una somma sempre pari a 8 volte la retribuzione annua, ma il massimale scende a 2.400.000€. Siamo commossi per il minor valore umano attribuito a questa categoria intermedia...

Al terzo posto si collocano tutti gli altri DIRIGENTI i quali non valgono più di 1.600.000,00€ cada uno. Non siamo noi ad aver stabilito tali proporzioni e ci duole constatare una così crudele svalutazione.

SOTTOLINEAMO che per tutti coloro che appartengono a queste prime TRE CASTE "fino a 1.000.000€ si applica la percentuale di invalidità accertata, senza deduzione di alcuna franchigia" (cit. idem, pag.3).

EVIDENZIAMO che per questo ristretto gruppo di individui l'Azienda si è impegnata a pagare non meno di 336.001€ annue a titolo di premio assicurativo (cfr. idem, pag.21).

Troviamo VERGOGNOSO che per gli ultimi STRATI SOCIALI dell'Azienda, in cui ricadono qualche centinaio di QUADRI DIRETTIVI e circa 1600 IMPIEGATI, si preveda una spesa di soli 96.076€ e un rimborso che viene decurtato da una franchigia assoluta di 3 punti di invalidità! Franchigia che si incrementa passando a 5 punti e poi a 10 (cfr. idem pag.4) all’aumentare dell’entità del danno subito! Naturalmente i massimali vengono fissati a cifre corrispondenti ai "valori umani" in gioco: 980.000€ per i QD ed 840.000€ per tutte le altre aree professionali!

ABBIAMO inoltre il fondato sospetto che quei 96 mila euro (per QD e Aree Professionali) corrispondano al totale che l'Azienda trattiene dalle nostre BUSTE PAGA riuscendo così in un magnifico GIOCO DELLE TRE CARTE:

prima la trattenuta era prevista solo come parziale contributo a carico del lavoratore per la polizza EXTRAPROFESSIONALE,

adesso ci fa pagare, totalmente di tasca nostra, sia la Polizza per gli Infortuni PROFESSIONALI, sia quella per gli Infortuni EXTRAPROFESSIONALI! E continua a portare a bilancio gli SGRAVI FISCALI previsti dalla Legge!

 

96.000€ : 2000 dipendenti = 48€ annui che divisi per 15 mensilità fanno 3,20€ al mese!!! questa la cifra mediamente trattenuta ai lavoratori ogni mese:

CONTROLLA IN BUSTA PAGA!

 

-scarica&leggi il nostro volantino completo

Scandalo sulla SALUTE in Findomestic: tagliata la Polizza Infortuni

A distanza di mesi dalle nostre richieste all'Azienda di conoscere le nuove condizioni delle polizze INFORTUNI PROFESSIONALI e EXTRAPROFESSIONALI dei dipendenti in vigore dal 1/1/2013 siamo finalmente riusciti ad ottenere tali documenti per altra via.

Leggendo le nuove condizioni di POLIZZA abbiamo capito immediatamente il perché di tanto OSTRUZIONISMO:

  • nuova polizza CUMULATIVA per gli INFORTUNI PROFESSIONALI ed EXTRAPROFESSIONALI; 
  • estensione della NUOVA POLIZZA anche ai DIRIGENTI (forse già l’avevano, ma non ne avevamo notizia); 
  • pesante RIDUZIONE delle coperture EXTRAPROFESSIONALI; 
  • introduzione di una FRANCHIGIA assoluta di 3 PUNTI di invalidità.

Riteniamo totalmente SCANDALOSO oltre che ETICAMENTE DISCUTIBILE: che l'Azienda abbia in data 25 gennaio 2013, firmato una polizza che ANNULLA gran parte delle tutele di cui usufruivano i dipendenti realizzando un risparmio ancora tutto da definire, sicuramente irrilevante rispetto a 180 MILIONI DI EURO di UTILI che tali DIPENDENTI gli avevano appena finito di produrre [...]

-scarica&leggi il nostro volantino completo

Io Twitto & Like

ADUC - AVVERTENZE

HIV e AIDS. Lo stato della normativa e della giurisprudenza in materia di lesioni volontarie e contagio da infezioni a trasmissione sessuale (sab, 21 ott 2017)
É quasi giunto al termine il processo di primo grado dinnanzi alla Corte di Assise che vede imputato Valentino Talluto, accusato di avere contagiato numerose persone con l'HIV. Gli addebiti sono gravissimi e vanno dalle lesioni volontarie al reato di epidemia, punito con l'ergastolo. La tematica appare di particolare interesse, stante l'assenza di una normativa che regolamenti gli specifici doveri [...]
>> leggi di più

RRS AdnKronos

Catalogna, il giorno della frattura   (sab, 21 ott 2017)
>> leggi di più

Homeschooling, studiare a casa si può   (ven, 20 ott 2017)
>> leggi di più

Bebè in arrivo, cosa serve   (ven, 20 ott 2017)
>> leggi di più

UNISIN Toscana

visita il nuovo sito della Segreteria Regionale Toscana

CIA, com'era... e com'è!

Dopo il "Cia in pillole", abbiamo predisposto una nuova iniziativa:

"Cia com'era e com'è"

Ogni settimana vi invieremo una "puntata" nella quale chiariremo le differenze col precedente Contratto integrativo e esporremo le novità che sono state introdotte nel nuovo.

01 - Prima Uscita - Cia com'era e com'è
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB
02 - Seconda Uscita - Cia com'era e com'
Documento Adobe Acrobat 2.0 MB
03 - Terza Uscita - Cia com'era e com'è
Documento Adobe Acrobat 897.0 KB
04 - Quarta Uscita - Cia com'era e com'e
Documento Adobe Acrobat 1.7 MB

Occhi BEN Aperti!

 

 

-DISCIPLINARI

-STRESS

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI: sempre in agguato e sempre più frequenti. l'INIZIATIVA del NAZIONALE Unisin.

● scarica&leggi

STRESS: per la CASSAZIONE l'azienda è RESPONSABILE dell'ORGANIZZAZIONE del LAVORO e dello STRESS causato ai DIPENDENTI! (ma ai corsi non lo dice...)

● scarica&leggi

TAGLI alla SALUTE in Findomestic

Domandiamo Insieme:

perché vi fate belli con Telethon e poi tagliate le tutele sanitarie dei vostri dipendenti? 

il MARKETING di PINOCCHIO
2013.11.26 Polizze Sanitaria ed Infortun
Documento Adobe Acrobat 180.0 KB
le CASTE ed il GIOCO delle TRE CARTE
2013.07.22 Scandalo Findomestic parte2.p
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB
i TAGLI di NASCOSTO
2013.07.14 Scandalo Findomestic p1.pdf
Documento Adobe Acrobat 216.5 KB

Fondo di Solidarietà Settore Credito

Guida alle novità di rilievo sulla applicazione delle norme introdotte dalla riforma pensionistica.

-leggi il doc della Segreteria Nazionale

tutti gli ultimi comunicati su Riforma del Lavoro, Antirapina, Straordinari in Sostituzione, Allarme Derivati, etc...

-vai nella sezione apposita

Iscriviti a Unità Sindacale!

Seguici su Facebook

Bieffe5: visita la sezione dedicata

Polizza RC-Capofamiglia inclusa nella quota di iscrizione a Unità Sindacale, scarica il Foglio Informativo

visita il sito di FALCRI BNL

Comunicazioni del Coordinamento Unità Sindacale Gruppo BNP Italia

Rassegna Stampa

Consulta la Rassegna Stampa