Riforma diritto di sciopero

LE NUOVE REGOLE DEL DIRITTO DI SCIOPERO

 

Il disegno di legge delega del 27 febbraio 2009

 

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, lo scorso 27 febbraio, un disegno di legge delega “per la regolamentazione e prevenzione dei conflitti collettivi di lavoro con riferimento alla libera circolazione delle persone”.

 

Lo strumento normativo

 

Precisiamo, innanzitutto, che si tratta di un disegno di legge delega: come noto, l’art. 76 della Costituzione prevede l’istituto della delegazione legislativa, mediante il quale le Camere approvano una “legge delega” che fissa i principi e criteri direttivi, i tempi e l’oggetto (la materia) su cui il Governo è chiamato (delegato) ad emanare atti normativi definiti Decreti Legislativi (o decreti delegati). Siamo quindi ancora nella fase del progetto, per cui le Camere dovranno prima approvare questo disegno di legge delega, sulla base del quale poi il Governo dovrà, entro un anno dalla sua approvazione, disciplinare la materia.

 

I principi e le novità del disegno di legge delega

 

L’ipotesi di riforma si riferisce, nello specifico, al settore dei trasporti pubblici e prevede di modificare la legge 146/90 (e la successiva legge 83/2000) e, nei 5 articoli di cui si compone, mira a “realizzare un migliore e più effettivo contemperamento tra esercizio del diritto di sciopero e il diritto alla mobilità e alla libera circolazione delle persone (art. 1)”. Ciò avverrebbe attraverso l’introduzione di alcune importanti novità, tra cui:  

una soglia di rappresentatività, a livello di settore, superiore al 50% per poter proclamare uno sciopero; 

in alternativa le Organizzazioni Sindacali che non dovessero raggiungere la soglia di cui sopra potranno, a condizione di avere almeno il 20% di rappresentatività,  indire un referendum preventivo che dovrà ottenere voto favorevole di almeno il 30% dei lavoratori interessati;  

dichiarazione di adesione preventiva allo sciopero da parte del lavoratore (che dovrà essere prevista nei relativi CCNL o in accordi di settore, o in alternativa nelle regolamentazioni provvisorie);

sciopero virtuale: questo istituto, che potrà essere reso obbligatorio per determinate categorie, prevederebbe che il lavoratore aderente allo sciopero garantisca la prestazione lavorativa rinunciando alla paga! (Anche se il disegno di legge delega non lo specifica, con questo istituto l’importo equivalente alla paga della giornata lavorativa, sommato ad una penalità inflitta all’azienda  - e da definire - andrebbe in un fondo/cassa che potrebbe avere scopi benefici oppure tornare al lavoratore in caso di raggiungimento di un accordo);

congruo anticipo per la revoca dello sciopero, al fine di evitare o limitare il cd. “effetto annuncio”;

più efficiente disciplina delle procedure di raffreddamento e conciliazione;

semplificazione delle regole relative agli intervalli minimi tra uno sciopero e l’altro, anche in funzione del grado di rappresentatività, e revisione delle regole sulla concomitanza di scioperi che incidono sugli stessi bacini di utenza;

la Commissione di Garanzia verrà rinominata Commissione per le relazioni di lavoro ed avrà, oltre alle attuali competenze, anche funzioni arbitrali e conciliative, e di verifica dell’incidenza e dell’effettivo grado di partecipazione agli scioperi nei servizi pubblici essenziali, al fine di fornire un monitoraggio sui conflitti e sulla rappresentatività; a questo ultimo fine, la Commissione utilizzerà “indici e criteri elaborati dalle parti sociali ivi compresa la certificazione all’INPS”;

coinvolgimento delle associazioni degli utenti;

un generico “divieto di forme di protesta o astensione dal lavoro” in settori o attività, che per modalità o durata, ledano il “diritto alla mobilità e alla libertà di circolazione”;

rivedere e aggiornare il regime sanzionatorio per tutti i servizi pubblici essenziali, relativamente all’entità economica delle sanzioni per i datori di lavoro;

prevedere illeciti amministrativi in riferimento alla condotta degli scioperanti che, se in violazione delle leggi, contratti o accordi, potranno subire sanzioni pecuniarie da un minimo di € 500,00 ad un massimo di € 5.000,00;

la comunicazione della proclamazione dello sciopero dovrà essere data, oltre che alle imprese o amministrazioni che erogano il servizio e all’apposito ufficio presso l’autorità competente, anche alla Commissione;

Il disegno di legge delega conclude con la possibilità per il Governo di tener conto degli “eventuali avvisi comuni … delle Associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori”; e con una ulteriore delega al Governo “ad apportare all’ordinamento vigente ogni ulteriore modifica e integrazione” con la possibilità di redigere, entro 24 mesi dall’entrata in vigore della legge, un testo unico in tema di diritto di sciopero.

 

Per il nostro volantino vai alla sezione dedicata

 

Per il documento della Segreteria Nazionale clicca qui

Smart Working & Co.

Progetto per l'innovazione dei processi produttivi e la gestione degli impatti sociali dei nuovi mezzi di produzione, per la ricerca della miglior conciliazione di tempi di vita e lavoro
2016.09.28 Progetto Conciliazione Tempi
Documento Adobe Acrobat 374.7 KB

Io Twitto & Like

ADUC - AVVERTENZE

Rifiuto cure. Eutanasia? Primario Gemelli Roma: no, buona prassi medica (ven, 09 dic 2016)
 "Il rifiuto delle cure non è eutanasia ma una questione di buona prassi medica". Lo chiarisce in una intervista a Repubblica, Mario Sabatelli, primario del Reparto dedicato ai malati di Sla al Policlinico Gemelli di Roma. "Già oggi la legge, la Costituzione e il codice deontologico lo consentono - spiega - Anche il magistero della Chiesa è chiaro: non c'è diritto di morire, ma certamente c'è [...]
>> leggi di più

RRS AdnKronos

Consultazioni, Mattarella spinge per tempi brevi: domani giornata decisiva   (ven, 09 dic 2016)
>> leggi di più

Renzi serra le file del Pd, vola l'ipotesi Gentiloni  (ven, 09 dic 2016)
>> leggi di più

Mps, titolo affonda su stop Bce. Cda va avanti ma è pronto l'aiuto di Stato   (ven, 09 dic 2016)
>> leggi di più

UNISIN Toscana

visita il nuovo sito della Segreteria Regionale Toscana

CIA, com'era... e com'è!

Dopo il "Cia in pillole", abbiamo predisposto una nuova iniziativa:

"Cia com'era e com'è"

Ogni settimana vi invieremo una "puntata" nella quale chiariremo le differenze col precedente Contratto integrativo e esporremo le novità che sono state introdotte nel nuovo.

01 - Prima Uscita - Cia com'era e com'è
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB
02 - Seconda Uscita - Cia com'era e com'
Documento Adobe Acrobat 2.0 MB
03 - Terza Uscita - Cia com'era e com'è
Documento Adobe Acrobat 897.0 KB
04 - Quarta Uscita - Cia com'era e com'e
Documento Adobe Acrobat 1.7 MB

Occhi BEN Aperti!

 

 

-DISCIPLINARI

-STRESS

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI: sempre in agguato e sempre più frequenti. l'INIZIATIVA del NAZIONALE Unisin.

● scarica&leggi

STRESS: per la CASSAZIONE l'azienda è RESPONSABILE dell'ORGANIZZAZIONE del LAVORO e dello STRESS causato ai DIPENDENTI! (ma ai corsi non lo dice...)

● scarica&leggi

TAGLI alla SALUTE in Findomestic

Domandiamo Insieme:

perché vi fate belli con Telethon e poi tagliate le tutele sanitarie dei vostri dipendenti? 

il MARKETING di PINOCCHIO
2013.11.26 Polizze Sanitaria ed Infortun
Documento Adobe Acrobat 180.0 KB
le CASTE ed il GIOCO delle TRE CARTE
2013.07.22 Scandalo Findomestic parte2.p
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB
i TAGLI di NASCOSTO
2013.07.14 Scandalo Findomestic p1.pdf
Documento Adobe Acrobat 216.5 KB

Fondo di Solidarietà Settore Credito

Guida alle novità di rilievo sulla applicazione delle norme introdotte dalla riforma pensionistica.

-leggi il doc della Segreteria Nazionale

tutti gli ultimi comunicati su Riforma del Lavoro, Antirapina, Straordinari in Sostituzione, Allarme Derivati, etc...

-vai nella sezione apposita

Iscriviti a Unità Sindacale!

Seguici su Facebook

Bieffe5: visita la sezione dedicata

Polizza RC-Capofamiglia inclusa nella quota di iscrizione a Unità Sindacale, scarica il Foglio Informativo

visita il sito di FALCRI BNL

Comunicazioni del Coordinamento Unità Sindacale Gruppo BNP Italia

Rassegna Stampa

Consulta la Rassegna Stampa